Tu che sei fuggito dalla tua città di provincia ma ne hai introiettato per sempre la bellezza malinconica, tu che in ogni luogo ti senti diverso, tu che sei a disagio dentro ogni ideologia, tu innamorato della letteratura, tu allergico ai gruppi e alle conventicole, sì, tu, hai rivolto un pensiero a Giorgio Bassani in questi giorni?
Daria Bignardi, "Vanity Fair"

Nell'anniversario della morte di Giorgio Bassani, uno degli scrittori italiani più tradotti e più letti in tutto il mondo, siamo felici di proporre nella collana Zoom Flash Una lapide in via Mazzini: una delle sue Cinque storie ferraresi, splendida raccolta di racconti che uscì nel 1956 e vinse il premio Strega.

Giorgio Bassani trascorse l’infanzia e l’adolescenza a Ferrara, che resterà per sempre nel suo cuore e diventerà teatro delle sue creazioni letterarie. Infatti, le “cinque storie” hanno in comune proprio l’ambientazione indimenticabile: Ferrara, cittadina di provincia che qui assurge a simbolo di un’intera nazione, avvolta dal pesante panneggio scuro del fascismo.

Bassani ci porta nell’animo di questa gente, “per il resto, quasi sempre per bene”: la ragazza madre Lida Mantovani; il sopravvissuto al lager Geo Josz; la vecchia socialista Clelia Trotti, lasciata morire in carcere... Storie diverse eppure vicine, accomunate dalla difficoltà con la quale i protagonisti si adattano a una provincia italiana che da un lato consola, dall’altro respinge qualunque cosa non le sia propria. Persone comprese.

In Zoom trovate i singoli racconti, perfetti per chi vuole avvicinarsi un passettino alla volta a un grandissimo autore o per chi ha amato il suo capolavoro, Il giardino dei Finzi-Contini, e desidera esplorare la sua produzione.


VAI ALLA BIBLIOGRAFIA COMPLETA DI GIORGIO BASSANI

Una lapide in via Mazzini
Giorgio Bassani

Giorgio Bassani

Giorgio Bassani (Bologna, 1916 - Roma, 2000) trascorse l’infanzia e l’adolescenza a Ferrara, che resterà per sempre nel suo cuore e diventerà teatro delle sue creazioni letterarie. Partecipò alla Resistenza e, dopo la guerra, si dedicò alla vita culturale come narratore e poeta, ma anche consulente editoriale della casa editrice Feltrinelli e vicedirettore della Rai. Fra le sue opere, riedite da Feltrinelli: Il giardino dei Finzi-Contini, lo straordinario ciclo Il romanzo di Ferrara, che raggiunse la sua forma definitiva nel 1980 e comprende Cinque storie ferraresi. Dentro le mura, Gli occhiali d’oro, Il giardino dei Finzi-Contini, Dietro la porta, L’airone e L’odore del fieno. Feltrinelli ha pubblicato, inoltre, Racconti, diari, cronache. 1935-1956 (2014).

Vai alla scheda >>