Interpretare il presente per ricostruire il futuro. Fondazione Giangiacomo Feltrinelliin partnership con Eni, organizza un ciclo di sei percorsi di indagine dedicati a quelle tematiche fondamentali per lo sviluppo della società: Conseguenze del futuro. Un ciclo di appuntamenti, da dicembre a maggio, per parlare di conoscenza, formazione, comunità, salute, cibo e spazio, e riflettere sul loro ruolo nel prossimo futuro.

Conseguenze del futuro | Primo appuntamento Conoscenza: Il bisogno di sapere

Si parte martedì 11 dicembre alle 18.30 in viale Pasubio 5 a Milano con un filosofo e un innovatore, due modi diversi e complementari di recuperare il valore della conoscenza. Ermanno Bencivenga, professore di filosofia all’Università della California (Irvine) ci ricorda “perché non possiamo rinunciare a ragionare con la nostra testa”: il pensiero dovrebbe sempre essere critico, la conoscenza complessa e problematizzante. La chiarezza e la semplicità sono il punto d’arrivo, mai quello di partenza, per i nostri ragionamenti: solo così è possibile fare presa sul presente e intervenire sul domani. Ed è proprio questo l’orizzonte di studio e lavoro di Massimo Banzi, tra i fondatori della piattaforma hardware Arduino e tra “i fautori della nuova rivoluzione industriale” (“The Economist”), che quindi affronta il tema dalla prospettiva dell’era delle trasformazioni tecnologiche. A Davide Dattoli, co-fondatore di Talent Garden, il più vasto network di coworking in Europa, spetta infine di fare gli onori di casa sulla soglia del futuro: incentivarlo e costruirlo è il suo mestiere, sviluppando nuova conoscenza grazie a una nuova forma di dialogo e contaminazione fra talenti, reti e spazi insieme fisici, digitali e intellettuali. Modera il conduttore e autore radiofonico e teatrale Matteo Caccia.

Per l’occasione verrà trasmessa la diretta streaming dell’incontro sulla pagina Facebook di Fondazione.

 

Torna alle altre news >>