Descrizione

“Fai come l’erba della steppa: quando ci passa su il vento si piega e si rialza quando è andato. Non opporti, piegati, finché viene la stagione per partire. Chi non si piega viene spezzato alle radici, come il kuraj, e il vento lo trascina dove vuole. Il kuraj non ritorna al luogo dove il vento l’ha strappato, ma noi, io e te, torneremo.”

La piccola Naja viene sospinta dalle steppe dell’Uzbekistan alla Germania del dopoguerra come da un vento fatale. Suo padre Ul’an l’ha affidata all’ufficiale tedesco Gunter Berger con il quale ha combattutola Russia di Stalin insieme a molti altri nomadi tunciàn, convinti di avere in comune coi nazisti uno stesso nemico. Alla voce narrante di Naja è affidato il racconto delle sue peripezie di bambina e di donna alla ricerca di un posto nel mondo, ma anche del mitico passato dei tunciàn, gli ultimi nomadi, nonché la memorabile ricostruzione corale della disfatta tedesca in Russia. Dominando con sapienza una mole straordinaria di eventi, di personaggi, di vite che si intrecciano l’una con l’altra, Silvia Di Natale scrive un romanzo che parla di guerra e di pace, di popoli ed eserciti in fuga, di uomini spazzati via dalle tempeste della Storia, di sentimenti che resistono, di tanti uomini e donne che non dimenticano. E che non si dimenticano. Numero di caratteri: 936.416

Conosci l’autore

Silvia Di Natale

Silvia Di Natale nasce a Genova nel 1951 e si trasferisce nel 1975 in Germania, prima a Monaco, dove insegna nei corsi per lavoratori italiani ed è assistente alla cattedra di Sociologia dei paesi in via di sviluppo, poi a Ratisbona. Come sociologa ha condotto ricerche sui braccianti dell’Andalusia, sui pastori sardi e sull’aggressività giovanile. Ha fatto ricerca all’Università di Monaco, Ratisbona e Hildesheim ed è stata presidente del "Consiglio degli stranieri" del comune di Ratisbona. È nota anche come scultrice: dopo aver lavorato con marmo, terracotta e bronzo passa al legno e ottiene riconoscimenti con una serie di mostre (l’ultima, Parole nel legno, è dedicata alla guerra nel Kosovo). Attualmente vive tra Ratisbona e Sestino, in provincia di Arezzo. Con Feltrinelli ha pubblicato i romanzi Kuraj (2000), che ha avuto varie traduzioni all’estero, Il giardino del luppolo (2004), L’ombra del cerro (2005, premio letterario Francesco Serantini), Vicolo verde (2008), Millevite. Viaggio in Colombia (2012) e, nella collana digitale Zoom, La ragazza che si dissolse nell’aria (2012) e El amorcito di Estrella (2013).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Luglio, 2018
Collana: 
ZOOM Wide
Pagine: 
700
Prezzo: 
6,99€
ISBN: 
9788858855317
Genere: 
E-book