Descrizione

Salutato come il Gorkij dei Balcani, Panait Istrati è il poeta del mondo degli irregolari, descritti con toni favolistici e struggenti. Protagonista del romanzo è Stavro, il primo gay proletario della storia letteraria, alla ricerca itinerante della sorella Kyra Kyralina, ragazza di fulgida bellezza. Adrian, alter ego dell’autore, abbandona giovanissimo la madre e la città natale per seguire Stavro, venditore ambulante di limonate. Le turbinose avventure di Stavro danno vita a un racconto nel racconto, che moltiplica quasi all’infinito le strade dell’assiduo vagabondare – per scelta o per forza – lungo le vie del romanzo e del mondo. Pagina dopo pagina emerge la figura magica, sensuale, imperiosa della bellissima Kyra, sorella perduta e splendente miraggio di giovinezza e di piacere, che Stavro ricerca senza sosta, dalla Romania a Istanbul, dalla Turchia alla Siria e al Libano, in un susseguirsi di colpi di scena mirabolanti, alternati a struggenti squarci di poesia. Classico contemporaneo di stralunata e feroce bellezza, Kyra Kyralina è scavato come una pozza d’acqua trascolorante e limpida nella vita inquieta di Panait Istrati, insieme romeno e autentico cosmopolita. Una gemma nascosta, un vero capolavoro dimenticato.

Conosci l’autore

Panait Istrati

Panait Istrati nasce a Braila, in Romania, nel 1881. Figlio di una lavandaia e di un contrabbandiere greco, vagabonda per Asia ed Europa facendo mille mestieri. Durante la Prima guerra mondiale legge gli articoli pacifisti di Romain Rolland, e con l’incoraggiamento dello scrittore socialista francese, premio Nobel per la letteratura nel 1915, nasce Kyra Kyralina (Feltrinelli, 1996 e 2014). Ha scritto altri romanzi e tre diari-pamphlet sulla sua esperienza in Unione Sovietica. Muore di tisi nel suo paese natale, nel 1935.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Giugno, 2014
Collana: 
Universale Economica I Classici Ristampa in prenotazione
Pagine: 
144
Prezzo: 
7,50€
ISBN: 
9788807901539
Genere: 
Tascabili 
Prefatore: 
Goffredo Fofi
Traduttore: 
Gino Lupi