Descrizione

Questa è la grande storia mai raccontata della globalizzazione. I paradisi fiscali sono infatti la faccia meno conosciuta, ma più centrale, della rete finanziaria mondiale: solo per fare un esempio, più di metà del commercio mondiale e gran parte di mutui e prestiti passano per questi luoghi, almeno “nominalmente”.
Ogni grande corporation vi svolge continuamente attività di routine e i suoi più grandi utilizzatori non sono certo terroristi, mafiosi o celebrità, ma banche.
I paradisi fiscali hanno a che fare di norma con l’evasione: dalle leggi, dai creditori, dalle tasse, in sintesi da ogni controllo e verifica democratica; e hanno avuto un ruolo decisivo in tutti i maggiori eventi economici contemporanei, compresa la crisi attuale esplosa nel 2008, fungendo spesso da base per le lobby che hanno spinto a rimuovere i regolamenti finanziari preesistenti e a tagliare le tasse per i più ricchi in tutto il mondo.
Gli hedge fund, Goldman Sachs, Citigroup si muovono continuamente dentro e fuori dal mondo offshore, così come dietro gli scandali di Enron, Parmalat, Lehman Brothers, Aig si celano i paradisi fiscali. Anche la crescita delle corporation e l’esplosione del debito nelle economie più avanzate a partire dagli anni settanta è sostanzialmente una storia che ha a che fare con l’offshore. Certo, esistono anche altre cause utili a spiegare i fenomeni, ma senza la comprensione di questo universo di interessi non si può capire appieno la storia e l’economia del mondo moderno.
Un libro acclamatissimo e radicale nella sua documentata denuncia dello stato attuale del mondo finanziario globalizzato.

“Forse il più importante libro pubblicato quest’anno in Gran Bretagna.”
George Monbiot, “The Guardian”

“Finalmente, non solo un libro leggibile ma appassionante che spiega fin nel dettaglio i paradisi fiscali. Ma cosa ancora più importante, è un libro che mette a nudo il meccanismo che il capitale finanziario utilizza per liberarsi della democrazia e del peso delle leggi.”
Misha Glenny, autore di McMafia

“È veramente un libro magnifico.”
Jeffrey Sachs

“Shaxson fa un lavoro notevole, di grande valore sociale, nel penetrare l’impenetrabile, per alla fine scoprire un mondo veramente scioccante.”
Nicholas Stern, autore di Un piano per salvare il pianeta

“Combina a una ricerca accurata aneddoti divertenti. Il risultato è un resoconto estremamente leggibile dell’oscuro mondo dell’offshore e un forte messaggio morale di quanto il sistema abbia bisogno di essere cambiato.”
“Financial Times”

Conosci l’autore

Nicholas Shaxson

Nicholas Shaxson è un giornalista inglese, che ha collaborato, tra gli altri, con “The Economist”, “The Financial Times”, Reuters, Bbc. Esperto del mercato petrolifero, è autore di Poisoned Wells: The Dirty Politics of African Oil (Palgrave MacMillan, 2007). Shaxson collabora anche con il Tax Justice Network, la rete globale che nel 2009 ha reso pubblica una “lista nera” dei paradisi fiscali. Con Feltrinelli ha pubblicato Le isole del tesoro (2012).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Giugno, 2012
Collana: 
Serie Bianca
Pagine: 
352
Prezzo: 
19,00€
ISBN: 
9788807172359
Genere: 
Saggistica 
Traduttore: 
Adele Oliveri