Il tuo browser è obsoleto. Potresti riscontrare alcune anomalie durante la navigazione del sito. Il sito sarà comunque accessibile, ma ti consigliamo di scaricare Google Chrome Frame che aggiornerà il tuo browser senza installare altro software o cambiare il tuo browser e le tue abitudini. Scarica una nuova versione o scarica un altro browser

Paradise Now

24 Ore Nella Testa Di Un Kamikaze

In breve

DVD+ libro. Candidato all’oscar 2006 come miglior film straniero. Ventiquattro ore nella testa di un kamikaze. Riusciremo mai a capire? In allegato il libro Paradiso adesso, testi di Amos Oz e Chrisoph Reuter. Negli extra due video sull'azione di Amnesty International in difesa dei diritti umani in Israele/Territori occupati (2000-2005): Writing for abed e Women and militarization.

Il libro

Riusciremo mai a capire? Uomini e donne giovani che, coscientemente, si caricano i fianchi e il petto di esplosivo a vanno a farsi saltare in aria cercando di ferire, mutilare, uccidere quante più persone possono.
Scelgono di farlo senza nessuna pressione. È anzi un onore per loro essere ammessi al suicidio, i familiari spesso li incoraggiano e ne sono fieri.
Riusciremo mai a capire? Eppure sono uomini e donne del nostro tempo, alcuni sono cresciuti in mezzo a noi, nelle nostre città, la loro disperata barbarie sta segnando il nostro quotidiano vivere.
Paradise Now, ventiquattro ore nella testa di un kamikaze.
In allegato il libro Paradiso adesso, con scritti di Amos Oz e Chrisoph Reuter,
Amos Oz, una delle voci indipendenti più franche e intense di Israele, uno dei pochi intellettuali ancora capaci di rappresentare con lucidità le ragioni del suo popolo e del ‟nemico”, ripercorre la storia del conflitto che lancina la ‟terrà più amata” e da quasi un secolo scuote il Medio Oriente e, ormai, il mondo intero.
Chrisoph Reuter, giornalista, ci spiega come una parte del mondo islamico abbia superato il tabù del suicidio, profondamente radicato nella cultura coranica. Tutto comincia con l’ayatollah Khomeini e le schiere di ragazzini gettati a morire disarmati, falciati a decine di migliaia nella guerra contro l’Iraq. Poi Reuter, viaggiando per le strade della Palestina, incontra le famiglie dei giovani suicidi e cerca di capire dove nasca la scelta di morire e far morire per rivoltarsi alla disperazione e affrettare il futuro.

Negli extra due video sull'azione di Amnesty International in difesa dei diritti umani in Israele/Territori occupati (2000-2005):
Writing for abed (15 min ca. - sottotitoli inglesi)
Women and militarization (30 min ca - sott. italiani)

  • fbico condividi
  • pinterest