Descrizione

Emilio Renzi, docente argentino di Letteratura inglese, viene invitato a trascorrere un semestre alla Taylor University, vicino a New York. Lì conosce studenti brillanti, cattedratici impegnati in bizzarre ricerche, barboni che sembrano vecchi saggi e soprattutto Ida, un’insegnante che diventerà la sua amante. Il suo soggiorno nel campus è da subito disseminato di fatti inquietanti, e quando Ida muore in un incidente stradale – in circostanze simili ad altri incidenti recenti –, la polizia ipotizza un’azione di un gruppo terrorista.
Ma chi era Ida, allora? E chi c’è dietro a quegli incidenti?
Ispirato alle vicende di Unabomber, Solo per Ida Brown è un romanzo d’autore con la struttura di un noir. Ci sono un cadavere, un mistero e la ricerca della verità, ma anche la letteratura e la feroce critica al divenire degli Stati Uniti.

L’ultimo romanzo di un gigante della letteratura americana ispirato alle vicende di Unabomber.

“Ricardo Piglia indaga la meccanica della fascinazione per la violenza, con riferimenti a Conrad e Thoreau.” Alberto Manguel, “El País”

Recensioni d'autore

  • Al tempo stesso gioco metaletterario, campus novel, ma anche autobiografia obliqua, zibaldone di ipotesi critiche... Non è il caso di aggiungere altro perché Solo per Ida Brown è anche un thriller e come tale funziona benissimo.

Conosci l’autore

Ricardo Piglia

Ricardo Piglia (Adrogué, 1941 - Buenos Aires, 2017), professore di Letteratura sudamericana alla Princeton University, è unanimemente considerato come uno dei più grandi scrittori argentini dei nostri tempi. In Italia sono stati pubblicati: L’ultimo lettore (Feltrinelli, 2007), Soldi bruciati (Feltrinelli, 2008) Bersaglio notturno (Feltrinelli, 2010), Respirazione artificiale (Sur, 2012), La città assente (Sur, 2014), L’invasione (Sur ,2015), Solo per Ida Brown (Feltrinelli, 2017).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Marzo, 2017
Collana: 
I Narratori
Pagine: 
240
Prezzo: 
17,00€
ISBN: 
9788807032226
Genere: 
Narrativa 
Traduttore: 
Nicola Jacchia