Descrizione

"The Iron Lady", ovvero Margaret Thatcher, primo ministro britannico dal 1979 al 1990, ormai ottantenne, fa colazione nella sua casa in Chester Square, a Londra. Malgrado suo marito Denis sia morto da diversi anni, la decisione di sgombrare finalmente il suo guardaroba risveglia in lei un’enorme ondata di ricordi. Al punto che, proprio mentre si accinge a dare inizio alla sua giornata, Denis le appare, vero come quando era in vita: leale, amorevole e dispettoso. Lo staff di Margaret manifesta preoccupazione a sua figlia, Carol Thatcher, per l’apparente confusione tra passato e presente dell’anziana donna. Preoccupazione che non fa che aumentare quando, durante la cena che ha organizzato quella sera, Margaret intrattiene i suoi ospiti incantandoli come sempre, ma a un bel momento si distrae rievocando la cena durante la quale conobbe Denis sessant’anni prima. Il giorno dopo, Carol convince sua madre a farsi vedere da un dottore. Margaret sostiene di stare benissimo e non rivela al medico che i vividi ricordi dei momenti salienti della sua vita stanno invadendo le sue giornate nelle ore di veglia.

Essere potenti è come essere una donna. Se hai bisogno di dimostrarlo vuol dire che non lo sei.
Margaret Thatcher

“Ha gli occhi di Caligola, ma la bocca di Marilyn Monroe” diceva di Margaret Thatcher il presidente francese Mitterrand, fotografando con una battuta fulminante il paradosso del politico inglese più importante del Novecento dopo Winston Churchill.
The Iron Lady è uno specchio nel quale, trent’anni dopo, la Gran Bretagna e l’intero Occidente, squassati da una crisi che affonda inesorabile la lama nella carne viva della società, ritrovano l’immagine deformata di una politica che ha perduto la strada per il futuro, incapace di fermare il tragico gioco a somma zero tra i sommersi e i salvati.
Perché un’icona si nutre di sentimenti profondi. Come l’odio e l’amore.

 

Conosci l’autore

Phyllida Lloyd

Phyllida Lloyd, (1957), regista cinematografica e teatrale britannica, ha esordito alla BBC all’inizio degli anni ottanta e dal 1985 ha cominciato a lavorare come regista per i teatri di Ipswich, Cheltenham, Bristol e Manchester. Nel 1991 ha debuttato alla prestigiosa Royal Shakespeare Company. Ricordiamo la sua regia per il film tv Gloriana, per il quale si aggiudica un Emmy Award, un FIPA d’Or e un Royal Philharmonic Society Award. Dopo il ritorno al teatro, la definitiva consacrazione cinematografica arriva con la regia di Mamma mia!, versione per il grande schermo del famoso musical tratto dal successo degli Abba. Per Feltrinelli “Le Nuvole”, The Iron Lady (2012).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Luglio, 2012
Collana: 
Le Nuvole
Pagine: 
80
Prezzo: 
16,90€
ISBN: 
9788807730535
Genere: 
Home Cinema