Descrizione

"È uno dei migliori film che abbia mai visto. In questo documentario avvincente e sorprendente gli Anvil mescolano, con una smodata passione per la vita, disperazione ed esaltazione. Ci fanno ridere fino alle lacrime, per poi farci piangere di gioia. C’è, in questo film, in un modo chiaro e mai visto prima, una rappresentazione formidabile e commovente della bellezza della malinconia."
Paolo Sorrentino

‟Dio ascolta heavy metal,” dice Caparezza in una delle sue ultime canzoni, ma probabilmente era distratto quando negli anni ottanta gli Anvil – gruppo nato nel 1977 a Toronto, precursore di mostri sacri come i Metallica e gli Anthrax – vivevano una breve quanto intensa fiammata di successo. Non si spiega altrimenti l’oblio nel quale sono caduti! Giocato sullo struggente contrasto tra un passato glorioso e un presente fatto di debiti, lavori umili e ricordi, la storia di Anvil nasce nei primi anni ottanta in un piccolo rock club di Londra, quando il regista Sacha Gervasi, all’epoca quindicenne, vide per la prima volta esibirsi la band e se ne innamorò perdutamente. Un racconto di sopravvivenza e di passione bruciante, la forza di un sogno che resiste al passare del tempo.

Conosci l’autore

Sacha Gervasi

Sacha Gervasi (1966), è un giornalista e sceneggiatore britannico. Raggiunge il successo nel 2004 scrivendo The Terminal di Steven Spielberg. La passione per la musica heavy metal risale agli anni ottanta e a un lungo periodo di roadie per diverse band, tra cui gli Anvil. Per Feltrinelli “Real Cinema” Anvil. The story of Anvil (2012).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Aprile, 2012
Collana: 
Real Cinema
Pagine: 
112
Prezzo: 
16,90€
ISBN: 
9788807740763
Genere: 
Home Cinema