Descrizione

La proposta di un 'pensiero debole' non ha cessato di produrre effetti, reazioni e polemiche anche al di fuori del campo filosofico. Se ne è discusso parecchio in Italia e l'interesse si è poi diffuso in altri paesi, sollevando una scia di interrogativi. Questo libro tenta di rispondere ad alcuni di tali interrogativi avanzando una ipotesi. Il pudore di cui gli autori hanno l'elogio è il pudore della teoria: insistendo sulla tonalità 'etica' del pensiero debole viene messa in luce la "tentazione di dire la verità" che affligge da sempre la filosofia e che continua a produrre effetti autoritari ed esiti contraddittori.
L'indebolimento della filosofia, esigenza ormai molto visibile in buona parte del pensiero contemporaneo, è già di per sé stessa una curvatura etica: ha a che fare con la trasformazione del 'linguaggio' filosofico e con la 'responsabilità politica' del filosofo.
Il libro è articolato in due parti e in una breve appendice di materiali. Nella prima parte il tema è direttamente il pudore: Heidegger, Husserl e con loro un orizzonte non secondario della scena filosofica contemporanea sono convocati a favore dell'indebolimento del pensiero. Nella seconda parte il tema è la verità: si tratta di descrivere la tentazione del pensiero forte e qui l'esempio è proprio il "caso Heidegger". Lo stile di pensiero che gli autori vogliono indicare è infatti messo alla prova del più inquietante scritto filosofico del nostro secolo, quel 'Discorso' con cui Heidegger inaugurò nel 1933, in sintonia con il nazismo, il suo breve Rettorato. Ognuna delle due parti è preceduta da un 'Excursus' in cui vengono passati in rassegna e interpretati i fraintendimenti cui il pensiero debole ha dato luogo in questi anni.

Conosci l’autore

Alessandro Dal Lago

Alessandro Dal Lago (Roma, 1947) ha insegnato e svolto attività di ricerca nelle Università di Genova, Pavia, Milano, Bologna e Philadelphia. Si è occupato di teoria sociale e politica, sociologia della devianza e dello sport, migrazioni internazionali ed etnografia urbana. Con Feltrinelli, La produzione della devianza (1981); Elogio del pudore (con Pier Aldo Rovatti; 1990); Non-persone (1999); La città e le ombre. Crimini, criminali, cittadini (con E. Quadrelli; 2003). Inoltre ha curato Carteggio 1926-1969 (di Karl Jaspers e Hannah Arendt; 1989); Archivio Foucault 2. Interventi, colloqui, interviste. 1971-1977 (1997; 2017); ha tradotto Aby Warburg (con Pier Aldo Rovatti; 2003) e ha scritto inoltre dei contributi a I signori delle mosche di Peter Warren Singer (2006) e a La solitudine del cittadino globale di  Zygmunt Bauman (2008).

Scopri di più >>

Pier Aldo Rovatti

Pier Aldo Rovatti (Modena, 1942) è ordinario di Filosofia teoretica all’Università di Trieste. Dal 1976 dirige la prestigiosa rivista di filosofia e cultura “aut aut”, fondata da Enzo Paci. Tra i suoi scritti più recenti: Abitare la distanza (Feltrinelli, 1994, 2007), Il paiolo bucato (1998), La follia in poche parole (2000), L’università senza condizione (con J. Derrida; 2002), Guardare ascoltando (2003), L’esercizio del silenzio (1992, 2004), La scuola dei giochi (con D. Zoletto; 2005), La filosofia può curare? (2006), Possiamo addomesticare l’altro? (2007), Il gioco di Wittgenstein (2009), La posta in gioco. Heidegger, Husserl, il soggetto (Mimesis, 2010). Per Feltrinelli ha tradotto Aby Warburg. Una biografia intellettuale (2003) di Gombrich e ha pubblicato con Gianni Vattimo Il pensiero debole (1990) e con Alessandro Dal Lago Elogio del pudore (1990).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Gennaio, 1990
Collana: 
Idee
Pagine: 
144
Prezzo: 
10,33€
ISBN: 
9788807090202