Descrizione

La Città degli Angeli – probabilmente il luogo più surreale degli Stati Uniti – è un amalgama unico di passato e presente, tradizione e rivoluzione, sogno e realtà. Nei libri di storia come sugli schermi cinematografici, il paesaggio di Los Angeles è da sempre un variegato sfondo sul quale si proiettano le ansie e le aspirazioni dell'America. In Los Angeles, la newyorkese A.M. Homes si installa nel famoso Château Marmont e usa la vita in quel luogo mitico come un prisma attraverso il quale guardare e respirare la cultura di Los Angeles, passata e futura. Costruito negli anni venti, Château Marmont è stato rifugio di personaggi famosi che lo hanno scelto come palcoscenico di spezzoni di vita di volta in volta drammatici, fortunati, folli. Mecca mitologica, è il perno intorno a cui si muove una città di visionari, romantici e sognatori, ed è il luogo dove la Homes, minando il cuore strano di Los Angeles, si rivela un'antropologa culturale dalle grandi capacità di intrattenimento.

Conosci l’autore

A. M. Homes

Amy Michael Homes è nata a Washington D.C. e vive a New York. È considerata una delle figure più innovative e originali della nuova narrativa americana. Ha ricevuto numerosi premi letterari negli Stati Uniti e collabora regolarmente con molte prestigiose riviste, in particolare “Vanity Fair”, “New Yorker”, “Granta”, “McSweeney’s”, “Art Forum” e “New York Times”. Autrice di racconti, romanzi e saggi, in Italia ha pubblicato con minimum fax: Cose che bisognerebbe sapere (2003) e La fine di Alice (2005); e con Feltrinelli: Los Angeles (“Traveller”, 2004), Questo libro ti salverà la vita (2006), La figlia dell’altra (2007), In un paese di madri (2009), La sicurezza degli oggetti (2010), Jack (2010), Musica per un incendio (2011) e Che Dio ci perdoni (2013), Cose che bisognerebbe sapere (2019).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Maggio, 2006
Collana: 
Universale Economica Traveller
Pagine: 
145
Prezzo: 
7,00€
ISBN: 
9788807819254
Genere: 
Tascabili 
Traduttore: 
Cecilia Veronese