Descrizione

"Che la linguistica generale sia una scienza giovanissima non esclude il fatto che gli uomini abbiano condotto da molto tempo una tenace riflessione sui fenomeni del linguaggio; nè che questa riflessione costituisca, di per se stessa, una lunga storia primitiva, sempre interessante e spesso istruttiva, della linguistica in generale. Tuttavia si può forse affermare che questa storia non è stata ancora scritta". Ed ecco il libro di Georges Mounin, agile e intensa panoramica delle teorie, dei metodi, dei successi, dei fallimenti in campo linguistico quali appaiono dallo studio dei documenti, interpretati alla luce della linguistica funzionale e strutturale odierna. L'aggancio alla preistoria, al quale l'indagine scientifica è pervenuta grazie agli studi di Leroi-Gourhan; il primo emergere di una riflessione sul linguaggio, presupposto dei geroglifici egiziani, degli elenchi lessicali sumero- accadici o della scrittura cinese; l'India, dove si rinviene per la prima volta un'esplicita presa di coscienza linguistica nel grammatico Panini; i Greci che s'interessano tra l'altro alle parti del discorso ma disdegnano le lingue "barbare"; Varrone; le isolate, penetranti analisi fonetiche e fonologiche del medievale Snorri Sturluson; la grammatica razionalista di Port-Royal; Vico; Condillac; la linguistica moderna, la cui nascita è segnata da due grandi svolte, lo studio del sanscrito, che apre la via a una reale considerazione comparata (Bopp, Grimm, Diez), sempre più attenta alla fonetica (Schleicher; i neogrammatici), e l'avvento della linguistica generale (Breal, Baudouin de Courtenay, Whitney, Saussure): queste le tappe essenziali della storia linguistica ripercorse, costituisce un'introduzione metodologica ai problemi della linguistica via via affacciatisi alla riflessione umana.

Conosci l’autore

Georges Mounin

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Aprile, 1989
Collana: 
Campi Del Sapere
Pagine: 
268
Prezzo: 
14,46€
ISBN: 
9788807101168
Genere: 
Saggistica, Università