Descrizione

Simon Nardis (anche se l’autore non lo dice, è bene ricordare che "Nardis" è un tema di Miles Davis che ha ossessionato Bill Evans per tutta la vita), mitico pianista di musica jazz, ha abbandonato da anni la sua arte. Salvato dall’alcolismo dalla devota moglie Suzanne, si guadagna da vivere lavorando come tecnico per una ditta di riscaldamento industriale. Per un’urgenza di lavoro, Simon si reca in una cittadina balneare dove, alla sera, il cliente lo invita in un club per aspettare l’ora del treno di ritorno a Parigi. Un goccio di vodka e qualche nota di jazz bastano a far crollare le difese che Simon aveva costruito contro i propri demoni: l’impiegato modello, il marito fedele, il buon padre di famiglia vengono spazzati via dalla musica, alla quale non resiste. Simon, ubriaco, si mette al pianoforte e accompagna Debbie, la giovane padrona del club che lo ha riconosciuto. Dopo anni di annientamento, sotto gli occhi del pubblico incantato, il musicista rinasce, nella magia della notte che cambierà la sua vita.
Questo romanzo è tante cose insieme: un grande e devoto tributo al jazz, un inno alla fatalità e alla passione, all’urto drammatico di amori potentissimi.

Conosci l’autore

Christian Gailly

Christian Gailly (Parigi, 1943-2013), scrittore francese, ha esercitato diversi mestieri – tra cui il musicista jazz – fino al 1987, quando ha debuttato con il romanzo Dit-il, pubblicato dall’editore Minuit. Da allora ne ha scritti numerosi altri, tra cui Lincident (adattato da Alain Resnais per il film Les herbes folles) e Nuage rouge con cui ha vinto nel 2000 il premio France Culture. Nel 2004 Feltrinelli ha tradotto Una notte al club, best seller in Francia e vincitore nel 2002 del premio Livre Inter.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Aprile, 2004
Collana: 
I Canguri
Pagine: 
106
Prezzo: 
10,00€
ISBN: 
9788807701559
Genere: 
Narrativa 
Traduttore: 
Massimo Scotti