Descrizione

Può un professore, oggi, essere anche un politico? Come può conciliarsi il linguaggio rigoroso delle aule accademiche con quello allusivo, sfuggente ma anche più emotivo, della politica contemporanea? In effetti, non può; fra i due linguaggi resta una distanza, tanto più avvertibile quanto più la stessa persona è sia uno studioso, sia un politico. E da questa distanza proviene l’efficacia del racconto di Carlo Galli, lo “sguardo di un intellettuale che si sforza di capire la politica reale”. Un’analisi che sceglie di gettare luce sulla politica italiana con un mezzo ormai desueto e perciò provocatorio: non un tweet o un post su Facebook, ma un libro.
Dalla Camera dei Deputati, e con gli occhi del filosofo della politica, Galli racconta quasi quattro anni di legislatura, dalle elezioni politiche del 2013 al referendum costituzionale del 2016. Il ruolo crescente del Movimento 5 Stelle, la radicalizzazione della Lega di Salvini, l’avvento di Renzi e la trasformazione del Pd fino all’esito del referendum costituzionale sono le tappe di una narrazione riflessiva che decifra la storia in tempo reale e unisce i fatti in un percorso dotato di senso.E spiega perché la politica italiana sta andando incontro a una profonda metamorfosi. Come anche altri Paesi europei, secondo Galli l’Italia assomiglia sempre meno a una democrazia. Le istituzioni del sistema rappresentativo rimangono apparentemente intatte, mentre si svuotano della loro funzione e sono superate dal populismo che viene sia dall’alto, sia dal basso.
La democrazia si deforma così in una post-democrazia e rischia di diventare una pseudo-democrazia.

“Mai come oggi la pretesa che la politica abbia un rapporto con una qualche elaborazione di pensiero è vilipesa e derisa. Mai come oggi la politica è tutta centrata sul fare e per nulla sul pensare. I risultati sono il discredito, la cecità, l’impotenza della democrazia. Semmai, è interessante ricercare le cause: che è appunto quanto si cerca qui di fare.” 

Recensioni d'autore

  • Galli è deputato da quattro anni, prima nel Pd ora con Mdp. In un libro ha raccontato una stagione ricca di personalismi ma povera di pensiero. E spiega la crisi della democrazia: ha perso il contatto con la realtà. Come è accaduto a Renzi.

Conosci l’autore

Carlo Galli

Carlo Galli insegna Storia delle dottrine politiche all’Università di Bologna, dirige la rivista “Filosofia politica”, presiede la Fondazione Gramsci Emilia-Romagna e dal 2013 è membro del Parlamento. Tra le sue pubblicazioni più recenti, ricordiamo Il disagio della democrazia (Einaudi, 2011), I riluttanti. Le élites italiane di fronte alla responsabilità (Laterza, 2012), Abbiccì della cronaca politica, (il Mulino, 2012), Sinistra. Per il lavoro, per la democrazia (Mondadori, 2013), Itinerario nelle crisi, (Bruno Mondadori, 2013) e Riforma costituzionale: le ragioni del no (Laterza, 2016). Per Feltrinelli, Democrazia senza popolo. Cronache dal parlamento sulla crisi della politica italiana (2017).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Febbraio, 2017
Collana: 
Serie Bianca
Pagine: 
224
Prezzo: 
16,00€
ISBN: 
9788807173158
Genere: 
Saggistica