Descrizione

Tutto era materia. Lo spirito scappava.

“Da dove venite? A chi appartenete? Cosa andate cercando?” Così si chiede al viandante-narratore nelle terre dei padri. Il viandante procede con il passo dell’iniziato, lo sguardo affilato, la memoria popolata di storie. E le storie gli vengono incontro nelle vesti di figure, ciascuna portatrice di destino, che hanno il compito di ispirati accompagnatori.
Luoghi e personaggi suonano, con i loro “stortinomi”, immobili e mitici, immersi in un paesaggio umano e geografico che mescola il noto e l’ignoto. Scatozza “domatore di camion”, Mandarino “pascitore di uomini”, la Totara, Cazzariegghio, Pacchi Pacchi, Testadiuccello, Camoia, la Marescialla: ciascuno ragguaglia il viandante, ciascuno lo mette in guardia, ciascuno sembra custode di una verità che tanto più ci riguarda, quanto più è fuori dalla Storia. Il viandante deve misurarsi, insieme al lettore, con un patrimonio di saggezza che sembra aver abbandonato tutti quanti si muovono per sentieri e strade, sotto la luna, nella luce del meriggio, accompagnati dall’abbaiare dei cani.
E poi ci sono la musica e i musicanti. La musica da sposalizio, da canto a sonetto, la musica per uccidere il porco, la musica da ballo per cadere “sponzati come baccalà”, la musica da serenata, il lamento funebre, la musica rurale, da resa dei conti. Vinicio Capossela ha scritto un’opera memorabile in cui la realtà è visibile solo dietro il velo deformante di un senso grandioso, epico, dell’umana esistenza, di un passato che torna a popolare di misteri e splendori l’opacità del nostro caos.

Video

Premi e Riconoscimenti

  • 2015 - Premio Carlo Levi - VIncitore Premio Carlo Levi

Recensioni d'autore

  • La vita secondo Capossela.

  • Il pellegrinaggio dentro una cultura contadina in via d'estinzione realizzato da un artista che continua a scavare nella memoria del Sud Italia.

  • Libri e canzoni dialogano tra loro, perché "le storie hanno sempre una musica". Parola di Vinicio Capossela.

  • Quel libro, con la sua «discesa agli inferi» (ma non solo: spesso si tratta di gioiosa avventura) in un passato ancestrale fatto di riti e miti di un mondo contadino che conserva tutto il suo profumo - «tutto era materia, lo spirito scappava» scrive il cantautore -, è una miniera per il futuro se solo uno sa leggerne le molteplici metafore.

  • Un libro che diventa un concerto, un mondo immaginifico...

  • Il libro si compone di tanti racconti di personaggi individuati con il loro stortonome seguendo i dettami della trasmissione orale. Alcuni sono un puro divertimentimento espressivo che farebbe felice qualsiasi glottologo...

  • Capossela conduce il lettore, a mo’ di viaggio donchisciottesco, in un’infinità di racconti ed episodi tra paesi e toponimi, tra mangiate e bevute, tra medici improvvisati e donne astute, tra improbabili guidatori di altrettante improbabili macchine, in un mondo che «materiale», istin­ivo, commovente.

  • Prende forma e sostanza nelle peripezie e negli incontri del suo viandante-narratore, tra vallate buie, vedute e visioni leggendarie, bestiari variopinti, paesi abbandonati, un paese primordiale in cui parlano le cose e gli animali ascoltano, dove c'è la muscia buona per l'uccisione del porco e un tellurico toccarsi tra vivi e morti.

  • Basta passare poco più di mezz'ora con Vinicio Capossela per entrare in quel mondo così particolare, quasi magico... ed esserne conquistati, totalmente.

Conosci l’autore

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela è nato ad Hannover il 14 dicembre 1965. Autore, cantore e compositore italiano, ha scritto Non si muore tutte le mattine (Feltrinelli, 2004), In clandestinità (Feltrinelli, 2009; con Vincenzo Costantino), Tefteri. Il libro dei conti in sospeso (il Saggiatore, 2013) e Il paese dei coppoloni (Feltrinelli, 2015). Lo studio dei miti, di Ernesto De Martino e Carlo Levi, la frequentazione appassionata dell’epos omerico e dell’epos popolare, l’influenza di molta letteratura americana (Sherwood Anderson e Melville fra gli altri) hanno rivoluzionato il suo stesso approccio alla musica e alla scena. Clive Davis del “Times” ha scritto: “Capossela esplora i miti e gli istinti che tengono assieme villaggi e nazioni. Non è un caso che si animi come non mai quando parla delle sue origini ancestrali”.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Marzo, 2015
Collana: 
I Narratori
Pagine: 
352
Prezzo: 
18,00€
ISBN: 
9788807031274
Genere: 
Narrativa