L'amore è un Dio

Il sesso e la polis

di Eva Cantarella

9,50 € 10,00 € -5%
6,99 €
Oppure su
L'origine di questo libro è una trasmissione radiofonica, ‟Sex and the polis”, dove Eva Cantarella si è divertita a fare quello che forse aveva sempre desiderato: raccontare attualizzando storie di uomini e di donne che continuano a somigliarci.

"L'amore. Cominciamo da qui, parliamo d'amore. Ma per farlo dobbiamo ricordare che anche i sentimenti hanno una storia. Tutto cambia nel tempo, persino questo sentimento che una retorica tanto facile quanto ingannevole ci spinge a considerare immutabile. Dimentichiamo allora la concezione romantica e cerchiamo di capire che cos'era l'amore per i greci, cerchiamo, addentrandoci in un mondo lontano, di cogliere i diversi volti di quell'amore.
Innanzitutto, per i greci l'amore era un dio di nome Eros. Un dio armato, che con il proprio arco scoccava frecce spesso mortali. Chi ne veniva colpito non aveva scampo: si innamorava. Ma Eros non era solo sentimento, era anche desiderio sessuale..."
Eva Cantarella
Leggi tutto…

Eva Cantarella

Eva Cantarella ha insegnato Diritto romano e Diritto greco all’Università di Milano ed è global visiting professor alla New York University Law School. Tra le sue opere ricordiamo: Norma e sanzione …

Scopri di più sull’autore
  • Marchio: FELTRINELLI
  • Data d’uscita: 7 Gennaio 2015
  • Collana: Universale Economica
  • Pagine: 184
  • Prezzo: 9,50 €
  • ISBN: 9788807885884
  • Genere: Tascabili
Eva Cantarella vince il Premio Città di Padova 2007

Eva Cantarella vince il Premio Città di Padova 2007

Eva Cantarella vince il Premio Città di Padova - sezione saggistica con L'amore è un dio. La cerimonia di premiazione si è svolta giovedì 25 ottobre a Padova.
L’amore al tempo dei greci, quando non era un peccato. Intervista a Eva Cantarella

L’amore al tempo dei greci, quando non era un peccato. Intervista a Eva Cantarella

‟L’idea che solo i rapporti eterosessuali siano naturali nasce dalla pretesa di possedere il monopolio della giusta concezione di natura, mentre la storia ci invita a riflettere sul fatto che ogni epoca ha avuto la sua idea di natura spesso incompatibile con quella delle altre.”