Morte e rinascita delle lingue

Diversità Linguistica Come Patrimonio Dell'Umanità

di Claude Hagège

Non disponibile.

Intorno alla metà del diciannovesimo secolo, un visionario trapiantato a Parigi, Ben Jehudah, immaginò di riportare in vita l’ebraico, lingua che non veniva più parlata da oltre duemilacinquecento anni: un’impresa, come è raccontato in questo libro, cui Jehudah dedicò l’esistenza e che si intrecciò con la storia del nascente stato di Israele. Al di là della sua straordinarietà, la rinascita dell’ebraico è l’epitome del profondo legame che una lingua intrattiene con la cultura di cui è espressione. Quando parliamo di lingue parliamo infatti di culture, di modi di organizzare il mondo, di valori e di idee. Che le lingue nel tempo si trasformino o scompaiano è noto. Meno noto è che questo fenomeno abbia oggi assunto dimensioni così vaste da far prevedere l’estinzione di metà delle lingue esistenti nell’arco di un centinaio d’anni. Arriveremo a una lingua unica? È auspicabile questa ipotesi? Oppure l’omologazione culturale che ciò sottintende è tutt’altro che tranquillizzante? È possibile fare qualcosa per arrestare questa tendenza? Questo libro, scritto da uno dei più noti linguisti francesi, è un grande affresco della ricchezza racchiusa nella diversità linguistica e una

sua difesa appassionata.

Leggi tutto…

Claude Hagège

Claude Hagège (Cartagine, 1936) è un linguista francese nato in Tunisia. Allievo della École normale supérieure, è stato professore di Linguistica al Collège de France dal 1988, con specializzazioni che …

Scopri di più sull’autore
  • Marchio: FELTRINELLI
  • Data d’uscita: Giugno, 2002
  • Collana: Campi Del Sapere
  • Pagine: 277
  • Prezzo: 26,60 €
  • ISBN: 9788807103285
  • Genere: Saggistica, Università