Descrizione

Il libro presenta terribili testimonianze di vita, direttamente raccolte nei carceri, nelle comunità di recupero, per le strade, da giovani violenti. Un'impavida rapinatrice, una ricca zingara, un immigrato emarginato, un camorrista napoletano, un baby killer barese narrano le proprie esperienze, descrivono la realtà in cui sono nati e vissuti, rivelano tutto il loro scetticismo quanto a un futuro diverso e migliore. Ne scopriamo l'indifferenza per la vita e la morte, e insieme il bisogno di un senso di appartenenza e di solidarietà di gruppo; ne vediamo la spietatezza e la sofferenza. Contro la frequente e comune rimozione sociale che accompagna il proliferare dei comportamenti giovanili violenti, criminali, devianti, Paolo Crepet tenta di comprendere, e far comprendere, da dove originino tali condotte e, al di là del contesto degradato, suggerisce quanto anche il decadimento delle nostre relazioni affettive e l'indisponibilità all'ascolto possano influire sulla diffusione della criminalità tra i giovani.
"Questa società non ama i suoi ragazzi... Perché non riusciamo a credere in loro' Perché ci meravigliamo, allora, quando vediamo questi ragazzi già così vecchi, bruciati perfino nella fantasia?"

Conosci l’autore

Paolo Crepet

Paolo Crepet (Torino, 1951), psichiatra e sociologo, è un esperto nel campo della ricerca sul tentato suicidio, dell’epidemiologia psichiatrica e della psichiatria sociale. Con Feltrinelli ha pubblicato anche: Psichiatria senza manicomi. Epidemiologia critica della riforma (con Domenico De Salvia; 1982), Le dimensioni del vuoto. I giovani e il suicidio (1993; UE, 2000), Cuori violenti. Viaggio nella criminalità giovanile (1995; UE, 1998), Solitudini. Memorie di assenze (1997; UE, 1999) e I giorni dell’ira. Storie di matricidi (con Giancarlo De Cataldo; 1998; UE, 2002).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Maggio, 1995
Collana: 
Serie Bianca
Pagine: 
160
Prezzo: 
9,30€
ISBN: 
9788807170058
Genere: 
Saggistica