Descrizione

Questo libro presenta, in veste rinnovata e ampiamente aggiornata, un saggio del 1976, in cui Tomas Maldonado avanzava una proposta di definizione del disegno industriale e delineava alcune delle sue tappe storiche più significative. Con la consueta capacità di vedere i nessi che intercorrono fra ambiti problematici diversi, l'autore attualizza la tematica del disegno industriale nel contesto delle innovazioni che hanno coinvolto, modificandoli profondamente, i processi produttivi, la filosofia della produzione, la realtà tecnologica. In questa ottica, egli offre uno scorcio sulle prospettive che si aprono al progettista in seguito a fenomeni quali lo sviluppo della microelettronica e la disponibilità di nuovi materiali. Ma non solo. Maldonado affronta anche questioni relative allo statuto del disegno industriale, sia come disciplina, sia come momento culturale più ampio. Superando i luoghi comuni che, attraverso un'opera pubblicitaria spesso fuorviante, hanno fornito all'opinione pubblica una versione meramente stilistica e di moda di questa importante attività progettuale, si confronta con alcuni dei grandi problemi che il disegno industriale ha di fronte, come quelli del terzo mondo, della qualità totale e dell'ambiente.

Conosci l’autore

Tomás Maldonado

Tomás Maldonado (1922-2018), nato a Buenos Aires, professore emerito al Politecnico di Milano dove ha insegnato dal 1985 e ha fondato il corso di laurea in Disegno industriale, è stato professore alla Hochschule für Gestaltung di Ulm dal 1955 al 1967 e rettore della stessa dal 1964 al 1966. Ha insegnato tra l’altro anche all’Università di Princeton (Usa) dal 1967 al 1970 e all’Università di Bologna dal 1976 al 1984. Con Feltrinelli ha pubblicato: Disegno industriale: un riesame (1976, 1991; UE, 2008), Il futuro della modernità (1987), Cultura, democrazia, ambiente (1990), Reale e virtuale (1992; UE, 2005), Che cos’è un intellettuale? (1995), Critica della ragione informatica (1997), Memoria e conoscenza. Sulle sorti del sapere nella prospettiva digitale (2005), l’intervista con Hans Ulrich Obrist, Arte e artefatti. Testimonianze di un percorso (2010) e Bauhaus (2019; a cura di Raimonda Riccini); ha curato inoltre il volume Tecnica e cultura (1979). Nel 2009 la Triennale di Milano ha dedicato una mostra alla sua poliedrica attività.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Gennaio, 1992
Collana: 
Campi Del Sapere
Pagine: 
128
Prezzo: 
12,00€
ISBN: 
9788807101427
Genere: 
Saggistica, Università