Descrizione

Dalla separazione dei genitori, la vita di Izzy è divisa a metà fra casa di sua madre e casa di suo padre. Quello che più la fa sentire divisa non è però il fatto di doversi spostare di settimana in settimana e cambiare continuamente ritmi e stili di vita. Il vero motivo di confusione riguarda la sua identità: il padre infatti ha origini africane, mentre la madre è bianca, e ciò la fa sentire profondamente insicura su chi è e su come definirsi. L’unica certezza che ha è il suo amore per il pianoforte e la volontà di partecipare all’importante concorso a cui l’ha iscritta la sua insegnante.
Dato che i genitori lavorano, il fratellastro Darren si offre di accompagnarla in auto fino all’Università di Cincinnati. Durante il tragitto i due ragazzi vengono coinvolti in un episodio drammatico, ma sarà proprio grazie a questo che i tasti bianchi e i tasti neri della vita di Izzy finalmente si mescoleranno e riusciranno a creare un’inaspettata melodia di riconciliazione e di pace.

“Ogni volta che suono dimentico me stessa. La musica scivola fuori e diventa oro.
Sono un uccello del dorso turchese che si libra sulla savana.
Sono una tigre che corre nella giungla.
Sono una pantera, nera e misteriosa.
Sono forte.”

Conosci l’autore

Sharon M. Draper

Sharon M. Draper vive a Cincinnati, Ohio, dove ha insegnato per venticinque anni letteratura alle scuole superiori. Pubblicato in sedici paesi, Melody (Feltrinelli, 2016) è stato nella classifica dei bestseller del “New York Times” per due anni, conquistando oltre un milione di lettori e numerosissimi riconoscimenti, tra cui il Miglior libro dell’anno per “Kirkus Reviews” e per il “San Francisco Chronicle”, il Parents’ Choice Silver Honor negli Stati Uniti e il Sakura Award assegnato dai ragazzi in Giappone. In Italia ha vinto il Premio Andersen 2016 come Miglior libro oltre i 12 anni.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Maggio, 2020
Collana: 
Feltrinelli Up
Pagine: 
256
Prezzo: 
14,00€
ISBN: 
9788807910609
Genere: 
Ragazzi 
Traduttore: 
Francesca Pe'