Descrizione

"Così lei pensa che Mao sia una specie di dio" disse lui mentre si sforzava di masticare un boccone troppo grande di zuppa di cotenna.
"Non ho capito un accidente" dissi.
Lui ingoiò, si sistemò sul naso con aria professorale un paio di occhiali da vista spessi mezzo centimetro e ripeté: "Così lei pensa che Mao sia una specie di dio."
"Più o meno. Ho visto gente inginocchiarsi davanti alla sua statua."
Fu compiaciuto dalla mia risposta. "Ha compiuto miracoli, sa?" disse.
Si presentò, ci strinse la mano e disse che era la terza volta che veniva in visita a Shaoshan.
"L’autobus andato fuori strada a Guangzhou?" disse Celia.
"Mica solo quello. E poi quello fu a Chongqing."
"Non era stato a Shenzhen?" domandai.
"A Chongqing."
"Non posso contraddirla."
"Mao ha fatto molto di più. Ha guarito im alati, ha salvato i raccolti invocando la pioggia, ha risuscitato anche un morto."
"Dove?" disse Celia.
"Di preciso non me lo ricordo. Nel sud, credo. Lo sapeva mia madre, ma purtroppo è morta."
Shaoshan, provincia dello Hunan, una primavera di fine millennio: l’autore va in viaggio nel paese natale di Mao Tse Tung accompagnato da Celia, la sua interprete cinese ventiduenne. Lungo il percorso incontrano diversi assurdi personaggi: ciascuno è, a suo modo, il simbolo delle contraddizioni e del degrado della nuova Cina; sospesa tra i miti del passato e le tentazioni del modo di vita occidentale.

Conosci l’autore

Sergio Ramazzotti

Sergio Ramazzotti, nato a Milano nel 1965, è autore di centinaia di reportage da tutto il mondo, apparsi sulle principali testate italiane e internazionali. Le sue fotografie sono state esposte in numerose mostre personali in Italia e all’estero. Nel 1996 ha pubblicato il bestseller Vado verso il Capo (Feltrinelli), cronaca di una traversata di tredicimila chilometri compiuta con i mezzi pubblici da Algeri a Città del Capo, adottato come libro di testo del corso di Sociologia del turismo all’Università Iulm di Milano. Per i vent’anni dall’uscita il testo è stato ripubblicato in digitale nella collana digitale Feltrinelli Zoom Wide con decine di fotografie del viaggio e un’introduzione inedita. Per l’occasione è uscito anche anche un ebook fotografico dedicato alle immagini del viaggio: 13.000 km d’Africa. Con Feltrinelli ha pubblicato anche Carne verde (1999), La birra di Shaoshan (2002) e Afrozapping (2006) un libro di racconti africani frutto delle sue esperienze di viaggio nel Continente Nero. È inoltre uscito con Liberi di morire (Piemme, 2003), ambientato in Iraq durante l’ultima guerra, Tre ore all’alba (De Agostini, 2005), romanzo ambientato fra l’Italia e l’Iraq e Ground Zero Ebola (Piemme, 2015). Nel 2008 ha pubblicato per Éditions du Chêne di Parigi e Thames & Hudson di Londra i due volumi fotografici Inde e Chine, e nel 2010 il volume fotografico Afghanistan 2.0 per Leonardo International. Tra il 2008 e il 2011 è stato protagonista della serie di documentari sul fotogiornalismo Lauren Verslaat prodotti dalla tv privata olandese Veronica, del documentario in otto puntate Buongiorno Afghanistan prodotto da Sky Italia (di cui è anche uno degli autori) e del documentario Sos Lampedusa, sempre per Sky Italia. Ha vinto il premio fotografico International Photography Awards di Los Angeles nel 2005, e due volte (2005 e 2010) il premio di giornalismo “Enzo Baldoni” della Provincia di Milano.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Maggio, 2002
Collana: 
Traveller
Pagine: 
150
Prezzo: 
12,00€
ISBN: 
9788871081779