Descrizione

‟Per imparare il T’ai Chi Ch’uan è prima necessario imparare a investire nella sconfitta. Quando si impara a investire nella sconfitta, la sconfitta si polarizzerà nel suo opposto e si trasformerà nel massimo vantaggio. Il T’ai Chi Ch’uan infatti non solo può distruggere la durezza, ma può anche essere utilizzato per controllare il movimento. È la prima arte marziale. Aiuta il debole a divenire forte, il malato a guarire, e il timoroso a diventare coraggioso.” Tratto da Tredici saggi sul T’ai Chi Ch’uan, pubblicato da Feltrinelli. Numero di caratteri:

Conosci l’autore

Cheng Man Ch'ing

Cheng Man Ch’ing, pittore, poeta, calligrafo, medico, è considerato uno dei grandi maestri del T’ai Chi Ch’uan. Affetto da tubercolosi da giovane, si curò praticando quest’arte con il maestro Yang Cheng-fu, di cui divenne l’ultimo allievo. A quel tempo in Cina pochissime persone praticavano il T’ai Chi Ch’uan e non c’erano pubblicazioni sull’argomento. Cheng scrisse questo libro per comodità di insegnamento nel 1947, non lo poté pubblicare in Cina ma lo fece a Taiwan, dove si era trasferito, nel 1950. L’allievo di Cheng, Lo Pang-jeng, a lungo insegnante negli Stati Uniti, lo ha poi tradotto in inglese con l’aiuto dell’amico Martin Inn. Feltrinelli ha pubblicato Tredici saggi sul T’ai Chi Ch’uan (2006) e, nella collana digitale Zoom, Potente come un sottile foglio di carta (2013).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Giugno, 2013
Collana: 
ZOOM Flash
Prezzo: 
0,99€
ISBN: 
9788858851296
Genere: 
Saggistica 
Traduttore: 
Albe Pini