Descrizione

Terzo volume di un trittico ideale, Arrigo Cipriani lascia l’Harry’s Bar, ombelico della mondanità, e potenzia ironia e verve comica. In Stupdt (che sta per “Stupidate”) queste due dimensioni sono infatti portate ai loro estremi, e il risultato è un pastiche di rara forza espressiva che continuamente muove il lettore dal sorriso alla risata. Uno “stupidario” colto e intelligentissimo, geniale. Ci sono i rapporti umani, quelli tra marito e moglie, o tra spasimante e amata, in entrambi i casi ottuagenari, che vengono colti in fulgidi attimi di inavvertita comicità quotidiana (la moglie sonnambula che nel mezzo della notte fa sesso con un vicino e torna a letto dal marito lamentandosi dei suoi problemi col sonno), e le querelle divine (esilaranti quelle tra Dio e Buddha, in cui un Dio frustrato si vendica su Adamo e questi a sua volta sul figlio Caino). E poi c’è l’uomo che vende la felicità in un barattolo di vetro vuoto e diventa ricco. C’è la storia d’amore sempre sul punto di fiorire tra Delirio e Alvara, e la relazione tutta epistolare con la signora Marple. È l’universo tutto che va in scena in questa originale opera di Arrigo Cipriani, spogliato, nudo e buffo, immortalato nell’attimo in cui è più goffo, quello in cui mai si ha la prontezza di guardarsi allo specchio. Quasi magicamente, portata dal brusco sbotto di una risata, l’essenza umana più profonda si converte in evanescente leggiadria, e neanche la morte fa più paura.

Recensioni d'autore

  • Tra ironia, mondanità e aneddoti: uno «stupidaro» colto e geniale.

  • Cipriani, ateo, penna luciferina, si diverte a demolire gli stereotipi: dalla storia di Dio che vuol far colpo su Buddha alle maschere per respirare sottacqua, dallo slogan "Si può fare" alle lettere a Miss Marple.

Conosci l’autore

Arrigo Cipriani

Arrigo Cipriani nasce a Verona nel 1932. Da oltre cinquant’anni dirige il celeberrimo Harry’s Bar. Ha pubblicato: Eloisa e il Bellini (Longanesi, 1986), Il mio Harry’s Bar (Sperling & Kupfer, 1991), Anch’io ti amo (Baldini Castoldi Dalai, 1996), La leggenda dell’Harry’s Bar (Sperling & Kupfer, 1997). Con Feltrinelli ha pubblicato Prigioniero di una stanza a Venezia (2009), Non vorrei far male a nessuno (2011) e Stupdt o l’arte di rialzarsi da terra (2014).
Di sé dice di essere l'unico uomo al mondo che ha avuto il nome da un bar.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Marzo, 2014
Collana: 
Varia
Pagine: 
176
Prezzo: 
15,00€
ISBN: 
9788807491641