Descrizione

Nella storia del pensiero il giardino è sempre stato visto come una metafora vitale dell’opera di Dio, dal mito fondativo  dell’Eden fino ai giardini zen giapponesi. Le diverse epoche storiche non hanno fatto quindi che interpretare il particolare rapporto sviluppato dall’uomo con la natura, proprio attraverso l’arte dei giardini, per la loro capacità di risvegliare gli accordi profondi dell’animo umano. Ma senza cura non si dà giardino. Mondo chiuso, indefinitamente malleabile, il giardino dà corpo al vecchio sogno del microcosmo. Lo si struttura, consapevolmente, come l’immagine, su scala umana, del Cosmo smisurato. In un giardino tutto diventa possibile. Vi si può modellare a proprio modo la creazione, giocare con le stagioni, le luci, le prospettive, le chiome. Per questa ragione, i giardini di un’epoca sono tanto rivelatori dello spirito che la anima, quanto possono esserlo la scultura, la pittura o le opere degli scrittori. Il libro dedicato da Pierre Grimal alla storia del giardino, leggiadro e colto al contempo, costituisce ancora oggi una chiave d’accesso essenziale a uno dei temi cruciali della nostra storia culturale.

Conosci l’autore

Pierre Grimal

Pierre Grimal, nato a Quercy nel 1912 e scomparso nel 1996, ha insegnato sino al 1982 alla Sorbona. Tra i suoi numerosi studi sulla cultura latina, molti dei quali tradotti in italiano, si ricordano Cicerone (1987), Tacito (1991), Seneca (1992), Marco Aurelio (1993), tutti apparsi con Garzanti. Ha anche curato, nella collana delle Garzantine, Mitologia. Feltrinelli ha pubblicato L’arte dei giardini (2014; già Donzelli, 2000).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Giugno, 2014
Collana: 
Universale Economica Saggi
Pagine: 
164
Prezzo: 
10,00€
ISBN: 
9788807884412
Genere: 
Tascabili 
Curatore: 
Marina Magi