Descrizione

L'Epistola ai Romani più che un acuto commento all'omonima epistola di san Paolo è un'originale analisi e riflessione sul pensiero paolino, che porta a una nuova formulazione della filosofia cristiana. Tradotto e curato dall'autorevole studioso e teologo protestante Giovanni Miegge, questo libro apparve per la prima volta a Berna nel 1919 e suscitò vivissimo interesse e violente polemiche. Barth lo ripubblicò, completamente rifatto, nel 1922. Fondato su una profonda conoscenza della teologia cristiana, su un costante atteggiamento di responsabilità nei confronti della "polis", e sulla rielaborazione di correnti di pensiero quali il platonismo, lo gnosticismo e il calvinismo, L'Epistola ai Romani lanciava una sfida radicale al razionalismo biblico e al positivismo ottocentesco. A molti sembrò un'opera scandalosamente provocatoria, ma la coscienza moderna, ridestata dall'esistenzialismo di Kierkegaard e Jaspers a una visione più drammatica della situazione umana, ha trovato in queste pagine una nuova vigorosa interpretazione della religione e della missione etica del cristiano.

Conosci l’autore

Karl Barth

Karl Barth (1886-1968), teologo svizzero-tedesco, dopo studi sotto la guida di teologi protestanti e dopo diversi anni di esercizio del ministero pastorale in diverse comunità, è stato docente di teologia in Germania, a Gottinga, Münster e Bonn. Nel 1935, per la sua opposizione al regime nazista, dovette ritrasferirsi nella città natale dove insegnò fino al 1962. Tra le sue opere ricordiamo: La teologia protestante nel XIX secolo (1979-1980) e La dottrina dell’elezione divina (1983). L’Epistola ai Romani è stato pubblicato da Feltrinelli nel 1962.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Aprile, 2002
Collana: 
Universale Economica Saggi Rossi
Pagine: 
560
Prezzo: 
15,00€
ISBN: 
9788807817021
Genere: 
Tascabili 
Curatore: 
Giovanni Miegge
Traduttore: 
Giovanni Miegge