Descrizione

Questo libro si propone di sviluppare un’etica delle relazioni d’intimità e del contatto umano prendendo le mosse da Wittgenstein. Esaminando non la natura teorica del ragionamento morale ma le nostre risposte fondamentali verso la vita e gli atteggiamenti assunti nei confronti degli altri e concentrandosi sul rapporto tra individui, Sparti mostra cosa accade quando cadiamo vittime dell’impulso di eludere il confronto con l’altro. Il libro va oltre una mera analisi del pensiero di Wittgenstein, allargandosi al contesto meno filosofico e più ordinario delle relazioni personali e giungendo a delineare una teoria delle diverse forme di riconoscimento come mezzi per scambiare "beni d’identità", ossia risorse simboliche che contribuiscono alla costituzione dell’identità. Il libro, dunque, si configura come una riflessione ad ampio raggio sulla copresenza, nei suoi risvolti filosofici, sociologici ed estetici. Per questo carattere d’intersezione fra discipline, il libro può ritagliarsi uno spazio tra le introduzioni generali a Wittgenstein, i lavori sull’etica e la microsociologia interazionista.

Conosci l’autore

Davide Sparti

Davide Sparti è nato a Roma nel 1961. Ha compiuto i suoi studi a Firenze, dove attualmente risiede. Collabora a numerose riviste scientifiche ("Iride", "Paradigmi", "Il Mondo3", "Psicoterapia e scienze umane", "Intersezioni").

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Gennaio, 2003
Collana: 
Campi Del Sapere
Pagine: 
198
Prezzo: 
24,00€
ISBN: 
9788807103452
Genere: 
Saggistica, Università