Descrizione

II periodo tra il 1943 e il 1948 è stato uno dei più convulsi e discussi della storia italiana e internazionale. Da quale data simbolica si può far partire il corso storico successivo? Che significato ha avuto l’8 settembre? Quanto hanno inciso sulla coscienza degli italiani la Resistenza da un lato e la Liberazione meridionale degli Alleati dall’altro? A quando risalgono le premesse del 18 aprile 1948? E, ancora, era inevitabile la vittoria della Democrazia cristiana o le sinistre potevano sfruttare meglio alcune occasioni? Domenico Novacco ritiene che il passaggio cruciale si sia verificato tra il settembre e il novembre del 1947, allorché una commissione di settantacinque deputati elaborò il progetto costituzionale poi approvato dall’Assemblea costituente nel dicembre dello stesso anno. Allora si delinearono i principali caratteri costituzionali di una Repubblica che si diceva parlamentare, e nei fatti era partitica. Caratterizzata da un’istanza di democrazia integrale e celebrata in tutto l’Occidente come modello, la Costituzione italiana soffriva in realtà di scarsa chiarezza e di troppi compromessi. Mancava sostanzialmente un’idea di “stato”. Novacco ricostruisce i lavori della Costituente e offre uno straordinario strumento per mettere a fuoco l’identità storica, culturale e, naturalmente, politica degli italiani.

Conosci l’autore

Domenico Novacco

Domenico Novacco (Catania, 1921 - Roma, 2008) con Feltrinelli ha pubblicato: Inchiesta sulla mafia (1963), Mafia ieri, mafia oggi (1972). Colpito da cecità a metà degli anni settanta, ha condotto la sua ricerca per l’originale saggio storico L’officina della Costituzione italiana. 1943-1948 (Feltrinelli, 2000) sulla base di registrazioni, fonti radiofoniche e ricordi personali di chi ha assistito da giovane agli avvenimenti.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Settembre, 2011
Collana: 
Universale Economica Storia
Prezzo: 
8,50€
ISBN: 
9788807722929
Genere: 
Saggistica