Descrizione

“Davide Longo è tra ‘i più unici’ narratori italiani contemporanei” Alan D. Altieri

“Uomo sbagliato, posto sbagliato, tempo sbagliato.” È questo lo stato d’animo di Pietro, giovane avvocato e tenente nel Regio Esercito Italiano, quando nell’anno di disgrazia 1937 viene spedito in un’Etiopia fresca di conquista, ma tutt’altro che doma. Ad aspettarlo in quella terra sconosciuta e ostile il classico caso giudiziario che nessun avvocato vorrebbe. Sul sergente Prochet, enigmatico comandante dei gruppi esploratori, grava infatti l’accusa di aver tramutato un’incursione in un remoto villaggio nel deserto in un bagno di sangue efferato e bestiale anche per i nuovi coloni italiani. Pietro si troverà così a difendere un uomo che tutti, dai vertici del fascio alle alte sfere dell’Esercito, vogliono morto. Un imputato che non parla, non spiega e non si difende. Un uomo che, con la calma di un antico sacerdote, sembra aver compreso e accettato il sacrificio di sé. Eppure, là tra le sabbie torride, le strade deserte e le celle oscurate dell’ultimo confine del mondo, nulla è come appare. Specie gli occhi e i silenzi di una donna.

Conosci l’autore

Davide Longo

Davide Longo (1971) vive a Torino dove insegna scrittura presso la Scuola Holden. Tra i suoi romanzi, Un mattino a Irgalem (Marcos y Marcos, 2001, Feltrinelli Zoom Filtri 2015), Il mangiatore di pietre (Marcos y Marcos 2004, Universale Economica Feltrinelli 2016), L’uomo verticale (Fandango, 2010) e Maestro Utrecht (NN 2016). Per Feltrinelli ha pubblicato Ballata di un amore italiano (2011), Il caso Bramard (2014) e Così giocano le bestie giovani (2018).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Giugno, 2019
Collana: 
Universale Economica
Pagine: 
176
Prezzo: 
8,50€
ISBN: 
9788807892356
Genere: 
Tascabili