Le storie di mia zia

(e di altri parenti)

di Ugo Cornia

Ugo Cornia filtra i racconti orali dell’amata zia e scrive la spassosa saga di una famiglia strampalata che abbraccia oltre cent’anni di storie incredibili e leggendarie: le ultime gioie del trisnonno Bartolomeo Ferrari e l’odio viscerale per il nemico di sempre, l’onorevole Marco Arturo Vicini; la zia Maria che parla con il fratello morto da tempo; la fastidiosa omonimia del padre con un uomo scomparso qualche anno prima; il miracolo del brodo della zia Bruna; la zia Filomena e il poeta corteggiatore. Sono storie che aprono e chiudono su panorami più vasti (l’Italia, la provincia, il tempo che passa), storie che spigolano dentro la mente umana, dentro le nostre speranze e, con luminosa e sagace leggerezza, sanno essere innamorate della vita, della sua cialtroneria, della sua approssimazione.
Leggi tutto…

Ugo Cornia

Ugo Cornia è nato a Modena nel 1965. Suoi racconti sono apparsi su “Il Semplice”. Ha pubblicato con Sellerio i romanzi Sulla felicità a oltranza (1999), Quasi amore (2001), Roma (2004) e Le pratiche del disgusto (2007); ha pubblicato …

Scopri di più sull’autore
  • Marchio: FELTRINELLI
  • Data d’uscita: 16 Ottobre 2008
  • Collana: I Narratori
  • Pagine: 166
  • Prezzo: 11,40 €
  • ISBN: 9788807017704
  • Genere: Narrativa
Ugo Cornia ha vinto il Premio Letterario Frignano

Ugo Cornia ha vinto il Premio Letterario Frignano

Ugo Cornia ha vinto con Le storie di mia zia (e di altri racconti) il Premio Letterario Frignano. La cerimonia di premiazione si è svolta sabato 22 agosto alle ore 17.30 a Pievepelago (Modena).
Cent’anni di storie incredibili e leggendarie: Ugo Cornia presenta in video  Le storie di mia zia

Cent’anni di storie incredibili e leggendarie: Ugo Cornia presenta in video Le storie di mia zia

Ugo Cornia filtra i racconti orali dell’amata zia e scrive la spassosa saga di una famiglia strampalata che abbraccia oltre cent’anni di storie incredibili e leggendarie: le ultime gioie del trisnonno Bartolomeo Ferrari e l’odio viscerale per il nemico di sempre, l’onorevole Marco Arturo Vicini; la zia Maria che parla con il fratello morto da tempo; la fastidiosa omonimia del padre con un uomo scomparso qualche anno prima; il miracolo del brodo della zia Bruna; la zia Filomena e il poeta corteggiatore… Il video.