Descrizione

"In una città americana, che potrebbe somigliare a quella di Blade Runner, c’è un ristorante McDonald’s frequentato soltanto da miseri barboni. Passando attraverso i gabinetti del McDonald’s si accede a una delle più importanti università americane, e poi ai vari piani d’un grande palazzo situato al numero 3847 di Mystic Avenue. In quel palazzo pare che abitino molti espatriati o deportati politici, mandati dal Governo italiano con la scusa di collocarli in un ufficio consolare, oppure in quella famosa università come professori. A volte i deportati sono lasciati per sempre in un appartamento a far niente, ad annoiarsi, a bere e a pensare alle donne.
Nel complesso, questa deportazione non sarebbe male, se non fosse che ci si ritrova a patire la tremenda solitudine americana, cercando affannosamente la compagnia di donne o d’altri solitari, in un eterno vagabondare senza meta. Non è poi del tutto escluso che il palazzo di Mystic Avenue e dintorni sia una specie di inferno dove si va a scontare i propri peccati. Quali peccati? Il peccato di essere al mondo, e poi quello collaterale dei furori e delle pazzie di quando si è al mondo. Sicché quei poveri deportati del Governo italiano si trovano spesso con dei cani infernali alle calcagna, che vorrebbero morderli, forse sbranarli per fare scontare le loro pazzie.
Un’altra cosa interessante è che tutti i deportati del Governo italiano hanno nomi che iniziano con la lettera P (non si sa perché). E tutti, appena sbarcano da quelle parti, si mettono a fare più o meno le stesse cose, a vagabondare senza meta, a pensare le stesse stranezze, a raccontare all’infinito la stessa storia, e a sentire una voce che li chiama così: ‘Ehi Joe’. Viene anche da pensare che il palazzo di Mystic Avenue non sia veramente un inferno, ma la scena dell’eterna ruota dell’esistenza, dove tutti rifanno le stesse cose, hanno le stesse speranze, cadono nelle stesse trappole, e vanno avanti così, ognuno sempre credendo d’essere diverso da tutti gli altri."

Gianni Celati

Conosci l’autore

Daniele Benati

Daniele Benati (1953), nato a Reggio Emilia, studioso di letteratura irlandese, ha insegnato in diverse università degli Stati Uniti e d’Irlanda. Ha tradotto tra gli altri Tony Cafferky e Flann O’Brien. Con Feltrinelli ha pubblicato i romanzi Silenzio in Emilia (1997) e Cani dell’inferno (2004). Ha tradotto per i “Classici” Feltrinelli Gente di Dublino (1994) di Joyce.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Aprile, 2004
Collana: 
I Narratori
Pagine: 
249
Prezzo: 
14,00€
ISBN: 
9788807016547
Genere: 
Narrativa