Descrizione

Anna e suo padre sono “due pupi mossi dalla stessa coppia di aste di metallo”, i fili che li legano sembrano destinati a non spezzarsi mai. Ma non può essere così – non è mai così – e a diciannove anni, dopo una malattia che brucia il tempo, Anna perde il padre. Il rispecchiamento in lui è così forte che Anna, perdendolo, perde sé stessa, si confonde, senza il suo sguardo è come se fosse diventata niente, e avesse bisogno di altri occhi per riconoscersi e conoscersi. L’attraversamento del lutto diventa perciò, necessariamente, ricerca di sé, passando per la scarnificazione del corpo, il suo oltraggio.
Trasferitasi da Napoli a Roma, Anna si ritrova a doversi mantenere – la madre non può aiutarla nelle spese né lei vuole gravare –, così si indirizza a un prete grazie al quale la sua coinquilina ha trovato lavoro come ragazza delle pulizie. Il prete però la vede bella e le propone un lavoro meglio pagato, in un night club. Anna è turbata, pensa di rifiutare ma poi accetta, e c’è repulsione e attrazione nel suo sì. Mescolato al racconto delle notti in cui si trasforma in Bube, con i muscoli tesi attorno al palo della lap dance, riemerge il passato, riemergono i vicoli e i bassi di Napoli, l’infanzia delle veglie con la nonna, i pomeriggi a fare i compiti con i gemelli Alfredo e Cristina, e soprattutto il padre, la malattia che scompiglia tutto, la possibilità di esistere nonostante la morte.
La scrittura di Carmen Barbieri è un miracolo di luci e di ombre, mescola la carne, il sentimento e lo spirito, vive di echi biblici anche quando racconta lo scandalo, proprio perché racconta una perdita, e il rischio di perdersi. Cercando il mio nome è il suo folgorante romanzo d’esordio. Potente, sincero, senza pelle.

Ci vuole molta forza per partorirsi, papà, ti chiedo di soffiarmi incontro tutto il coraggio che puoi.

Video

Recensioni d'autore

  • Bel romanzo d'esordio.

  • Tra l'oscura Napoli dell'infanzia e adolescenza della protagonista ... e una Roma piena di ombre.

4 4
  • In viaggio attraverso la morte, alla ricerca di sé.

  • Il romanzo di esordio di Carmen Barbieri è uno schiaffo. Crudo e straziante.

Conosci l’autore

Carmen Barbieri

Carmen Barbieri, nata a Napoli nel 1984, scrive e recita. Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati da “Abbiamo le prove”, “Minima&moralia”, “Rivista inutile”, “Reader For Blind”, “Lahar magazine”, “Futura – Corriere della Sera”. Finalista nel 2014 al premio Hystrio alla vocazione per giovani attori. È autrice di una tesi in Filosofia del linguaggio sul Teatro Povero di Jerzy Grotowski.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Gennaio, 2021
Collana: 
I Narratori
Pagine: 
224
Prezzo: 
16,50€
ISBN: 
9788807034275
Genere: 
Narrativa