Descrizione

Roland Oberstein, quarantun anni, felicemente divorziato e padre di un bambino, sa bene come va il mondo. Docente universitario di Economia, è consapevole che il libero mercato regna sovrano, specialmente in amore. Tutto ruota intorno alla scarsità, al gioco di domanda e offerta. Il mondo da lui concepito ha una sua logica evidente e sembra privo di sentimenti come la colpa, la gelosia, il risentimento o il romanticismo. Quando ottiene un incarico all’Università George Mason di Fairfax, Stati Uniti, Oberstein lascia la moglie e il figlio di cinque anni per andare a vivere in un hotel della cittadina americana. Ad Amsterdam lascia anche la sua nuova fiamma, che a volte gli telefona sconsolata. Tutto cambia quando, in un momento di debolezza, Oberstein acconsente alla richiesta dell’ex moglie di averlo vicino almeno una parte dell’anno per condividere l’educazione del figlio. Per un semestre, dunque, darà lezioni di Economia all’Università di Leida e niente sarà più come avrebbe dovuto essere. L’Olanda, e più in generale l’Europa, la terra che Oberstein ha sempre trovato profondamente decadente e corrotta, lo irretisce e travolge, dal punto di vista sia professionale che personale. E il meccanismo ben oliato della sua vita, a questo punto, fatalmente si inceppa.

Recensioni d'autore

  • Nella seconda parte del romanzo Grunberg ci grazia (e io gli sarò eternamente riconoscente per questo). La sua scrittura magistrale riconsegna la vita ai sentimenti, con tutto ciò che ne consegue.

Conosci l’autore

Arnon Grunberg

Arnon Grunberg, scrittore (noto anche con lo pseudonimo di Marek van der Jagt), è nato ad Amsterdam nel 1971. Attualmente è residente a New York. È diventato famoso nel 1994 con il suo primo romanzo, Lunedì blu (Mondadori, 1996; Instar Libri, 2005; Feltrinelli, 2011), con il quale ha vinto il Premio per il miglior libro d’esordio in lingua nederlandese. Sono seguiti: Comparse (Mondadori, 2000), Dolore fantasma (Instar Libri, 2004), Il messia ebreo (Instar Libri, 2005), Il rifugiato (Instar Libri, 2007), Il maestro di cerimonie (Feltrinelli, 2009) e Il libero mercato dell’amore (Feltrinelli, 2014). Sotto lo pseudonimo di Marek van der Jagt ha pubblicato Storia della mia calvizie (Instar Libri, 2003; Feltrinelli, 2008), con cui ha vinto per la seconda volta, caso unico al mondo, il Premio per il miglior libro d'esordio, e Gstaad 95/98 (Instar Libri, 2004). Collabora con testate prestigiose quali “The New York Times”, “Tages-Anzeiger”, “Suddeutsche Zeitung” e “Bookforum”.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Giugno, 2014
Collana: 
I Narratori
Pagine: 
512
Prezzo: 
22,00€
ISBN: 
9788807031021
Genere: 
Narrativa 
Traduttore: 
Franco Paris