Descrizione

“Quando Domeneddio fa nascere una bella donna, il Diavolo, in risposta, fa nascere l’imbecille che la manterrà”

“Jules-Amédée Barbey d’Aurevilly fu dandy, cattolico e legittimista proprio nei tempi in cui questi tre modi di essere potevano a buon diritto dirsi passati di moda. E lo fu con un’intransigenza tale da lasciar dubitare che a sorreggere la sua convinzione partecipasse in misura niente affatto indifferente il piacere di contraddire, di non uniformarsi alle ‘idées reçues’ dei suoi giorni, il che varrebbe forse a spiegare il suo amore per l’eccezionale, la sua tesa e instancabile ricerca del grandioso nel bene come nel male, il continuo e trasparente desiderio di sorprendere, quando non addirittura di ‘épater’ – di sconvolgere – un lettore assunto sempre in una duplice veste di complice e tuttavia di nemico.” Compongono Le diaboliche sei racconti in cui persone assolutamente perbene diventano, davanti agli occhi del lettore, emanazioni maligne dedite solo al soddisfacimento dei loro piaceri.

Conosci l’autore

Jules-Amédée Barbey D'Aurevilly

Jules-Amédée Barbey d’Aurevilly (Saint-Sauveur-le-Vicomte, 1808 - Parigi, 1889) deve la sua fama letteraria alla maestria con la quale, in perenne bilico fra psicologia e soprannaturale, esplorò i misteri dell'animo umano e le mille strade che portano alla corruzione. Fu amatissimo da Henry James e Marcel Proust. Fra le sue opere, oltre al capolavoro Le diaboliche (1874; "Classici" Feltrinelli, 2013), ricordiamo anche La stregata (1854) e Il cavaliere Des Touches (1864).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Marzo, 2013
Collana: 
Universale Economica I Classici
Pagine: 
224
Prezzo: 
9,00€
ISBN: 
9788807822650
Genere: 
Tascabili 
Prefatore: 
Mario Praz
Traduttore: 
Camillo Sbarbaro