Descrizione

A partire dalla fine degli anni settanta, John Rawls tenne a Harvard un corso di filosofia morale, confluito in una serie di dispense ripetutamente rimaneggiate negli anni. Il libro, curato da Barbara Herman, sua ex allieva e oggi stimata studiosa, e ultimato prima della morte di Rawls che poté verificarne la versione definitiva, corrisponde alla loro ultima stesura. Queste lezioni sono la prova di come la storia della filosofia possa interagire felicemente con le questioni odierne, senza tradirne lo spirito. John Rawls riteneva infatti che in filosofia non si potesse parlare di progressivo superamento delle teorie del passato, così come se ne parla in fisica o in biologia. Le teorie del passato sono per lui forme compiute di risposta a questioni reali che vanno lette nel loro contesto ma che possono dialogare positivamente con il presente ed essere fonte di ispirazione per la soluzione dei nostri problemi. Rawls non piegava Kant, Leibniz, Hegel alla sua idea di giustizia, ma si sforzava di restituirne il pensiero nella sua integrità.. ‟Questi testi,” diceva, ‟hanno molto da insegnarci. Io ho sempre dato per scontato che studiamo gli autori che giudichiamo più intelligenti di noi. Se non lo fossero, perché mai dovrei sprecare il mio tempo e quello dei miei studenti?” Le venti lezioni delineano quattro categorie di ragionamento morale: perfezionismo, utilitarismo, intuizionismo e costruttivismo kantiano, svolgendo la trama concettuale che da Leibniz e Hume arriva a Kant e Hegel. Offrono al lettore una introduzione a chiavi alla storia della filosofia moderna e al filosofo politico l’opportunità di scoprire le fonti storiche del pensiero di uno dei più grandi filosofi del Novecento.

Lezioni di storia della filosofia morale è un grande evento, perché esse ci restituiscono l’idea di Rawls dell’etica moderna come impresa unitaria e la sua capacità di comprenderne i temi e problemi di fondo, elementi che hanno ispirato il suo pensiero politico.”
Charles Larmore

Conosci l’autore

John Rawls

John Rawls (1921-2002), considerato tra i massimi filosofi politici del Ventesimo secolo, è stato professore emerito alla Harvard University, dove ha insegnato dal 1962 al 1991. Tra i suoi testi tradotti in italiano ricordiamo: Una teoria della giustizia (Feltrinelli, 1982, 2008); Unità sociale e beni primari, in Utilitarismo e oltre, a cura di Amartya Sen e Bernard Williams (il Saggiatore, 1984); Il liberalismo politico (Edizioni di Comunità Einaudi, 1994); Il diritto dei popoli (Edizioni di Comunità Einaudi, 2001); Saggi. Dalla giustizia come equità al liberalismo politico (Edizioni di Comunità Einaudi, 2001); Giustizia come equità. Una riformulazione (Feltrinelli, 2002); Lezioni di storia della filosofia morale (Feltrinelli, 2004) e Lezioni di storia della filosofia politica (Feltrinelli, 2009).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Ottobre, 2004
Collana: 
Campi Del Sapere
Pagine: 
439
Prezzo: 
40,00€
ISBN: 
9788807103773
Genere: 
Saggistica, Università 
Curatore: 
Barbara Herman
Traduttore: 
Paola Palminiello
Curatore: 
Salvatore Veca
Contributi: 
Salvatore Veca