Descrizione

Una bambina di nome Fifi viene sradicata dall'amato ambiente della sua infanzia, dove vive secondo i dettami dell'ideologia sionista, a stretto contatto con la natura, ed è scaraventata in un quartiere ebraico ultraortodosso. Il trauma è terribile: il conformismo religioso emargina chiunque mostri segni di indipendenza. Fifi è costretta ad adeguarsi al nuovo modo di vivere, ma istintivamente vi si oppone e ci" è motivo di continui litigi e dissapori. Osserva il mondo degli adulti, riflette e si trasforma in una giovane disubbidiente, piana di dubbi bramosa di rapporti amorosi: una partigiana della libertà di pensiero che rifiuta il ruolo di "brava bambina", desiderosa di entrare in quel mondo del sapere che le è negato. Sembra invece una disposizione naturale, un'aspirazione alla libertà: il prezioso retaggio di quel vecchio Israele laico dei pionieri, minacciato dalle nuove ondate di fanatismo religioso.

Conosci l’autore

Judith Rotem

Nata in una famiglia ortodossa di Budapest, una famiglia di sopravvissuti, Judith Rotem arrivò in Israele nel 1945. Sposatasi con uno studente ultraortodosso, per anni mantenne il marito e sette figli con l'insegnamento. Nel 1983 decise di divorziare, di abbadonare la comunità e di portare con sé i figli, lavorando come giornalista e ghost writer.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Giugno, 2000
Collana: 
I Canguri
Pagine: 
304
Prezzo: 
14,46€
ISBN: 
9788807701276
Genere: 
Narrativa 
Traduttore: 
Massimo Bracchitta
Traduttore: 
Elena Loewenthal