Descrizione

Tutto in Madame Bovary (1857) sembra disporre la scena dove il desiderio ha luogo insieme all'abisso che lo cancella. Emma Bovary ama come si divora, ama in una tragica voracità che somiglia a quella di un organismo incapace di assimilare, consuma se stessa e l'oggetto del suo desiderio in un tragico processo di alienazione amorosa, aiutata anche dal marito, Charles, che è tutt'altro che un uomo tranquillo e innocuo, ma un masochista morale di alto lignaggio che, con un sadismo perfettamente camuffato, contribuisce in maniera determinante al suicidio della moglie.

Conosci l’autore

Gustave Flaubert

Gustave Flaubert (1821-1880) è stato uno dei più grandi scrittori francesi dell’Ottocento. Arrivato al successo grazie a Madame Bovary (1856) e al processo per immoralità intentatogli contro, Flaubert espose una estetica decisamente antiromantica, sia dal punto di vista ideologico sia dal punto di vista formale, evitando di esprimere nel corso della narrazione il proprio giudizio, scegliendo invece di attenersi a uno stile oggettivo. Feltrinelli ha pubblicato Lettere a Louise Colet 1846-1848 (1984), nei “Classici” L’educazione sentimentale (1992), Madame Bovary (1994), Bouvard e Pécuchet (1998), Tre racconti (2009) e, nella collana digitale Zoom, Un cuore semplice (2013) e Erodiade (2014).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Febbraio, 2014
Collana: 
Universale Economica I Classici
Pagine: 
384
Prezzo: 
9,50€
ISBN: 
9788807900983
Genere: 
Tascabili 
Traduttore: 
Roberto Carifi
Curatore: 
Roberto Carifi
Prefatore: 
Roberto Speziale-Bagliacca

Extra