Descrizione

Mosca-Petuski che dà il titolo al volume, è l’opera più celebre di Erofeev, apparsa in Russia sotto forma di samizdat nel 1973, un vero bestseller clandestino, stampata in russo in Israele nel 1973, tradotta nel 1976 in Francia e nel 1977 in Italia da Feltrinelli col titolo Mosca sulla vodka, a cura di Pietro Zveteremich, qui nella nuova traduzione di Gario Zappi. E’ un’opera grottesca, visionaria, tragicomica, affidata all’alcolismo cronico e disperato del protagonista che parte da Mosca per un viaggio forse mai compiuto. Dai torrenziali monologhi dell’ubriaco esce distrutto "l’uomo nuovo" sovietico e vengono furiosamente massacrati i totem e i tabù ufficiali.
Vasilij Rozanov visto da un eccentrico,è un saggio acuto e satirico su Rozanov (1856-1919) autore celebre negli ambienti decadenti russi per un commento sul pensiero di Dostoevskij, edito nel 1891 col titolo La leggenda del grande inquisitore, che ebbe grande successo di pubblico e venne ristampato per tre volte nei quindici anni successivi. L’opera di Erofeev "offre la possibilità di comprendere fino a che punto la cultura post-stalinista fosse assetata di modelli letterari e religiosi"(Viktor Erofeev).
C’è poi il brevissimo testo Sasa Cernyi e altri, sui poeti noti e poco noti del cosiddetto "secolo d’argento" della cultura russa, ossia della fine Ottocento, inizi Novecento.
Segue La notte di Valpurga o I passi del Commendatore, una tragedia in cinque atti, un violento testo teatrale su un tema caro alla cultura russa (Puskin e Musorgskij nella musica).
Conclude la raccolta La mia piccola leniniana, un’opera condotta sulle citazioni di Lenin, che ha per protagoniste la moglie di Lenin, Nadezda, la sorella di lui Marija, l’amante Inéssa Armand, Jenny von Westfalen, moglie di Karl Marx…"passi scelti dalla corrispondenza privata di lavoro di Il’ic, dal momento in cui imparò a scrivere, al momento in cui (1922) a scrivere disimparò".
Il volume è completato da un apparato bio-bibliografico, elaborato da Gario Zappi sulla base di materiali dell’archivio privato di Erofeev.

Conosci l’autore

Venedikt Erofeev

Venedikt Vasil´evič Erofeev (1938-1990) è stato uno scrittore russo. Per tutta la vita è stato dipendente dall’alcol, e ha conosciuto l’indigenza e lo squallore dell’essere un senzatetto nella Mosca comunista. Dalla metà degli anni cinquanta ha iniziato a scrivere, fino ad arrivare alla produzione della sua opera maggiore: Moskva-Petuški (Feltrinelli “Le Comete”, 2004), la cronaca del viaggio di un vagabondo ubriacone da Mosca a Petuški, piccolo borgo fuori città. Con Feltrinelli è uscito anche Mosca sulla vodka (1990).
 

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Marzo, 2004
Collana: 
Le Comete
Pagine: 
341
Prezzo: 
26,00€
ISBN: 
9788807530098
Genere: 
Narrativa 
Traduttore: 
Gario Zappi
Curatore: 
Gario Zappi