Descrizione

Fine di questa edizione e di questo commento è avvicinare il lettore a un testo affidabile di Pinocchio e insieme favorire la sua libera lettura con l'offrirgli chiarimenti e riferimenti su ogni fatto stilistico, linguistico, oggettuale, storico, strutturale, simbolico e allusivo, ad esclusione di quelli che intende e chiarisce da solo. Nel corso del commento una novità insistentemente indagata, e che alla fine si delinea come una realtà corposa e. unitaria, è quel che abbiamo chiamato la "cultura parlata", per distinguerla sia dalla cultura "regolare" che da quella folcloristica; e nella quale consiste il più e il meglio del "segreto" del capolavoro collo diano. È in forza di un dato come questo, che proposto "di prima mano" si affaccia ora al sapere, che la "ragion poetica" di Pinocchio si illumina di nuova luce, che senza deprimeme il mistero ne aument di molto la felicità.

Conosci l’autore

Carlo Collodi

Carlo Lorenzini nacque a Firenze nel 1826. Fu giornalista e scrittore. Collaborò a varie testate e ne fondò alcune, tra cui “Il Lampione”. Partecipò come volontario alle Guerre d’Indipendenza nel 1948 e 1960. Dal 1856 cominciò a pubblicare anche con lo pseudonimo Carlo Collodi, dal nome del paese tra Lucca e Pistoia dove era nata sua madre. Nel 1876 pubblicò il primo libro per bambini, I racconti delle fate, quindi traduzioni di fiabe francesi e una serie di testi scolastici, come Giannettino, Minuzzolo e altri. Nel 1881, sul “Giornale per i bambini”, uscì la prima puntata de Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino. Vi pubblicò poi anche altri racconti, raccolti in Storie allegre (1887). Morì nel 1890 a Firenze. Feltrinelli ha pubblicato nei “Classici” I racconti di mamma oca (1993) e Pinocchio (1993) a cura di Fernando Tempesti e con le illustrazioni di Igort.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Giugno, 2014
Collana: 
Universale Economica I Classici
Pagine: 
288
Prezzo: 
9,00€
ISBN: 
9788807901119
Genere: 
Tascabili 
Illustratore: 
Igort
Curatore: 
Fernando Tempesti