Descrizione

Milioni di americani, e non solo, lavorano ogni giorno duramente e senza sosta in cambio di salari modestissimi. Nel 1998, Barbara Ehrenreich decide per un paio di anni di fare la loro stessa vita, per cercare di capire meglio cosa c'è dietro le retoriche che invocano la fine dello stato sociale. Ma come si fa a sopravvivere? Barbara Ehrenreich lascia la sua bella casa, rinuncia a utilizzare le sue carte di credito e lo status di intellettuale e giornalista. Si mette a cercare lavoro e accetta di fare la cameriera, la donna delle pulizie, la commessa. Da queste sue esperienze, l'autrice ricava un libro dark ma al contempo divertente, che racconta in presa diretta l'America dei bassi salari, con le sue storie di solidarietà minuta e di grande umanità, ma anche la vita grama di tutti i giorni, con i pasti consumati per necessità nelle catene di fast-food e gli innumerevoli stratagemmi disperati per sopravvivere.

Conosci l’autore

Barbara Ehrenreich

Barbara Ehrenreich (1941), giornalista e critico sociale, scrive su “Time”, “Harper’s Magazine”, “The Nation” e “The New York Time Magazine”. Con Feltrinelli ha pubblicato anche Riti di sangue. All’origine della passione della guerra (1998), Una paga da fame. Come (non) si arriva a fine mese nel paese più ricco del mondo (2002) e, assieme a Arlie Russell Hochschild, Donne globali. Tate, colf e badanti (2004).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Aprile, 2004
Collana: 
Universale Economica Saggi Rossi
Pagine: 
164
Prezzo: 
7,00€
ISBN: 
9788807818011
Genere: 
Tascabili 
Traduttore: 
Adriana Bottini