Descrizione

La vita, la morte, i miracoli di Beatrice, la storia della più amata tra le opere minori di Dante è nota, e il "libello" della Vita Nuova è parso ripetere l'eterna vicenda di Amore e Morte, spesso in termini di straordinaria modernità. Ma la Vita Nuova è anche un eccezionale documento del più grande genio creativo del nostro Medio Evo, un ritratto dell'artista da giovane, insieme un diario, un romanzo autobiografico e simbolico, un agguenito manifesto dell'avanguardia poetica. L'edizione presente - nell'ampia Introduzione e nel ricchissimo apparato di note esplicative e di commento - ricompone i modelli culturali a partire dai quali la novità della Vita Nuova prese forma: la mistica e la lirica cortese, la poesia del "primo amico" Guido Cavalcanti e le Scritture, la numeralogia e la scienza onomastica, le vite dei santi e le rime del Guinizelli, fuse insieme in una visione del mondo in cui Amore (e la poesia che lo celebra) è già la forza che ‟move il sole e l'altre stelle".

Conosci l’autore

Dante Alighieri

Dante Alighieri (1265-1321) nacque a Firenze da famiglia di guelfi, figlio di Bella degli Abati e Alighiero Alighieri. Fece studi classici e cristiani; studiò retorica, grammatica, filosofia, letteratura e teologia, e fu allievo di Brunetto Latini. In gioventù fu poeta stilnovista e amico di Guido Cavalcanti, cui dedicò la sua prima opera, La vita nuova (1292), dove cantò il suo amore per Beatrice, identificata con Bice di Folco Portinari. Sposò nel 1285 Gemma Donati, a cui era stato promesso fin all’età di dodici anni e che gli diede tre – forse quattro – figli, mentre Bice sposò Simone dei Bardi nel 1287. Dopo la morte di lei, nel 1290, Dante si dedicò agli studi filosofici e teologici, leggendo Boezio e Tommaso d’Aquino. Entrò nella Corporazione dei medici e degli speziali nel 1295 per intraprendere la carriera politica; fu ambasciatore a San Geminiano e Roma, e divenne priore nel 1300. I conflitti interni al partito dei guelfi si facevano intanto sempre più aspri e Dante, della fazione dei guelfi bianchi, si schierò contro i neri che sostenevano le mire espansionistiche di Bonifacio VIII. I bianchi furono sconfitti dai neri, alleatisi coi ghibellini, grazie anche all’intervento di Carlo di Valois nel 1301, e Dante fu costretto all’esilio per sfuggire alla pena di morte; cominciò a girovagare per diverse corti italiane e fu presso gli Ordelaffi a Forlì, Bartolomeo della Scala a Verona, i conti Malaspina in Lunigiana, quindi di nuovo a Verona ospite di Can Grande della Scala e presso Guido Novello da Polenta a Ravenna. Dopo aver visto svanire la speranza di unificazione politica sotto l’imperatore Enrico VII, sceso in Italia nel 1310 ma qui morto nel 1313, Dante morì a Ravenna nel 1321. Negli anni di esilio scrisse: il De vulgari eloquentia; Il Convivio; il De Monarchia; la Quaestio de aqua et terra; le Epistole in latino; e la Commedia, poi detta Divina Commedia, iniziata intorno al 1307 e conclusa poco prima della morte. Feltrinelli ha pubblicato Vita Nuova (2008).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Giugno, 2015
Collana: 
Universale Economica I Classici
Pagine: 
192
Prezzo: 
8,00€
ISBN: 
9788807902000
Genere: 
Tascabili 
Curatore: 
Manuela Colombo
Prefatore: 
Maria Corti