Descrizione

E' l'alba del 4 agosto 1962, è giunto il momento della proclamazione di indipendenza algerina. Daniel ha quattordici anni e quella giornata segnerà per lui lo spartiacque tra l'infanzia e l'età adulta. L'emancipazione nazionale dell'Algeria incrocia l'educazione sentimentale dello scrittore adolescente risvegliando memoria pubblica e privata. Ecco allora la storia di una famiglia tanto povera quanto entusiasta e ottimista, i tornei di cuscus, il miracolo della coesione domestica, il clima turbolento ma vitale di una comunità eterogenea e multietnica. E ancora, le canzoni, i primi amori, il cinema - l'immagine tragica e sensuale di Marylin Monroe -, i giochi, la generosa fatica di esistere. Grande canto d'addio all'infanzia, di Daniel e del suo paese d'origine, L'ultima estate è anche un solare racconto di iniziazione, la commossa rievocazione di un tempo felice, vissuto come una feconda eredità senza nostalgia.

Conosci l’autore

Daniel Picouly

Daniel Picouly è nato nel 1948 a Villemomble, alla periferia di Parigi. Undicesimo di tredici figli, di padre nero della Martinica e di madre bianca, laureato in Economia, insegna in un liceo di Parigi. Tra il 1992 e il 1995, Picouly ha pubblicato quattro libri gialli, ma il vero successo è arrivato con Il Campo di Nessuno, definito dall’autore autobiografico al 98,94% (Feltrinelli, 1996). Tra gli altri libri pubblicati in Italia, Incubo pirata (Giunti, 1997), Le lacrime del capo (Bompiani, 1997), L’ultima estate (Feltrinelli, 1998), La coppa del mondo non si farà (Feltrinelli “Kids”, 1999), Il ragazzo leopardo (Ponte alle Grazie, 2000) e La luce della follia (Feltrinelli, 2000).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Settembre, 1998
Collana: 
I Canguri
Pagine: 
256
Prezzo: 
14,46€
ISBN: 
9788807700996
Genere: 
Narrativa 
Traduttore: 
Yasmina Melaouah