Descrizione

“Morire per mano della donna amata non è forse una bella fine?”

“Dal momento in cui Sonomura crede di scoprire l’esistenza di una donna che soddisfa i propri istinti sessuali uccidendo gli uomini e fotografandone i volti senza vita, essere dominato da lei diventa un’ossessione. Spettatore compiaciuto più che inorridito testimone, egli non è affatto turbato dal delitto che si sta consumando davanti ai suoi occhi, mentre rimane soggiogato dalla bellezza e dalla freddezza della donna che lo compie. Quell’atmosfera macabra rende ancor più bello il volto di lei. […] Anche dopo aver scoperto l’inganno di cui è stato vittima, l’unico desiderio di Sonomura è fare di Eiko la sua carnefice. L’adorazione per la donna crudele si identifica dunque con una tendenza all’autodistruzione.” Cinzia Mottola

Conosci l’autore

Jun’ichirō Tanizaki

Jun’ichirō Tanizaki, nato a Tokyo nel 1886 e morto ad Atami nel 1965, è considerato tra i maggiori scrittori giapponesi. Esordì nel 1910 con Il tatuaggio, compreso nella raccolta Pianto di sirena (Feltrinelli, 1985, 2009). I suoi racconti e romanzi colpiscono per il culto raffinato di una bellezza perversa e crudele, la complessità della psicologia sessuale, intrisa di sadismo, masochismo e feticismo. Feltrinelli ha pubblicato anche Il dramma stregato (1990) e Morbose fantasie (1999, 2013).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Gennaio, 2013
Collana: 
Universale Economica
Pagine: 
96
Prezzo: 
6,00€
ISBN: 
9788807881008
Genere: 
Narrativa 
Curatore: 
Cinzia Mottola