Ricerca Autori

Autori lettera K

    Gilles Kepel

    Gilles Kepel

    Gilles Kepel (Parigi, 1955) insegna all’Institut d’études politiques di Parigi, dove dirige la cattedra Moyen-Orient Mediterranée. È tra i più importanti studiosi occidentali del mondo arabo e le sue opere sono tradotte in più di venti lingue. Tra le più recenti uscite in Italia: Jihad. Ascesa e declino (Carocci, 2001), Fitna. Guerra nel cuore dellIslam (Laterza, 2004), Il profeta e il faraone (Laterza, 2006), Dentro il fondamentalismo (con Enzo Bianchi; Bollati Boringhieri, 2008). Con Feltrinelli è uscito Oltre il terrore e il martirio (2009).

    Vai alla scheda >>

    Etgar Keret

    Etgar Keret

    Etgar Keret (1967) è tra i più popolari autori israeliani contemporanei. I suoi libri, tradotti in quarantadue lingue, come i suoi film e le sue sceneggiature, gli sono valsi molti premi importanti quali la Camera D’Or a Cannes per il film Medusee, più recente, il Sapir Prize per la Letteratura 2019 in Israele, proprio per Un intoppo ai limiti della galassia. I suoi racconti appaiono regolarmente su riviste come “The New Yorker” e “Wired”, e in Italia su “Robinson” di “Repubblica” e su “La Lettura” del “Corriere della Sera”. Con Feltrinelli ha pubblicato All’improvviso bussano alla porta  (2012), Sette anni di felicità (2015), Le tettine della diciottenne (2017), Pizzeria Kamikaze (2018), Un intoppo ai limiti della galassia (2019), il racconto per bambini Rompi il porcellino (2017; con le illustrazioni di David Polonsky) e, nella collana digitale Zoom, Finestre (2014).

     

     

     

    Vai alla scheda >>

    Jack Kerouac

    Jack Kerouac

    Jack Kerouac, re della beat generation, papa dei beatnik, nato a Lowell, Massachusetts, nel 1922, da una famiglia di origini franco-canadesi, è stato la più singolare figura di scrittore del dopoguerra americano. Alla Columbia University, a New York, conosce Allen Ginsberg e William Burroughs. Esordì con il romanzo Metropoli e città, raggiunse la fama con Sulla strada (1957) e I sotterranei (1958). È morto nel 1969. Quando Feltrinelli ha pubblicato I sotterranei nel 1960, il libro è stato processato per “oscenità” e poi assolto.

    Vai alla scheda >>

    Alex Kerr

    Alex Kerr

    Alex Kerr (Bethesda, Maryland, 1952) si è laureato in giapponese a Yale e in cinese a Oxford. È membro della Fondazione Oomoto, un’organizzazione shintoista dedita all’esercizio e all’insegnamento delle arti tradizionali giapponesi. Con Feltrinelli è uscito Il Giappone e la gloria (1999).

    Vai alla scheda >>

    Imre Kertész

    Imre Kertész

    Imre Kertész (1929-2016), nato a Budapest, è stato deportato nel 1944 ad Auschwitz e liberato a Buchenwald nel 1945. Tornato in Ungheria nel 1948, ha lavorato prima come giornalista, poi per mantenersi ha iniziato a tradurre (tra gli altri Freud, Nietzsche, Canetti, Wittgenstein) e a scrivere romanzi e opere per il teatro. Il libro Essere senza destino (Feltrinelli, 1999; premio Flaiano 2001) per molto tempo non ha trovato un editore in Ungheria, una volta uscito è stato ignorato e il suo autore messo al bando. Kertész, che ha dovuto attendere il crollo del muro di Berlino per vedere riconosciuta la propria opera, in patria e all’estero, ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 2002 e il premio Lettura del Grinzane Cavour nel 2008. Feltrinelli ha pubblicato anche Fiasco (2003), Liquidazione (2005), Kaddish per il bambino non nato (2006), Storia poliziesca (2007) e Dossier K. (2009).

    Vai alla scheda >>

    Andrea Ketterer

    Andrea Ketterer

    Andrea Ketterer, nata a Monaco nel 1959, ha studiato germanistica e scienza dello sport nella sua città. Lavora, con Alexandra Berger,  nella redazione di “Cosmopolitan” e insieme sono responsabili delle rubriche di psicologia, vita di coppia e sessualità. Feltrinelli ha pubblicato il loro Perché limitarsi a sognare nel 1999.

    Vai alla scheda >>

    Tullio Kezich

    Tullio Kezich

    Tullio Kezich (1928-2009), autore di numerosi volumi e commediografo largamente rappresentato, è stato critico cinematografico al “Corriere della Sera”. Con Feltrinelli ha pubblicato la biografia di Fellini, Federico, nel 2002 e Dino. De Laurentiis, la vita e i film, scritto con Alessandra Levantesi, nel 2001. Federico ha vinto nel 2008 il Prix du Syndicat Français de la Critique de Cinéma per il miglior libro straniero sul cinema.

    Vai alla scheda >>

    Elias Khoury

    Elias Khoury

    Elias Khoury è nato a Beirut nel 1948. Autore di numerosi romanzi, pièce teatrali e volumi di saggi, nonché direttore del prestigioso inserto letterario del quotidiano di Beirut “al-Nahar”, è una delle personalità di punta in ambito intellettuale e politico libanese e gioca un ruolo importante all’interno della cultura araba contemporanea e nella difesa della libertà d’espressione. Nel 1988 è stato premiato con il Palestine Prize per La porta del sole (Feltrinelli UE, 2014), e nel 2000 il romanzo è diventato il libro dell’anno di “Le Monde Diplomatique”. Nel 2008 ha ricevuto il Sultan Oweiss Award per la narrativa e il Prix IMA pour le roman arabe. In Italia sono stati inoltre pubblicati Il viaggio del piccolo Gandhi (Jouvence, 2001), Facce bianche (Einaudi, 2007), Yalo (Einaudi, 2009) e, ancora per Feltrinelli, Specchi rotti (2014).

     

    Vai alla scheda >>

    Anselm Kiefer

    Anselm Kiefer

    Anselm Kiefer è nato nel 1945 a Donaueschingen. Nel 1980 ha partecipato alla Biennale di Venezia, dove ha rappresentato la Germania. Da allora è riconosciuto in tutto il mondo tra i più importanti artisti contemporanei. Con Feltrinelli ha pubblicato L’arte sopravvivrà alle sue rovine (2018).

    Vai alla scheda >>

    Caro King

    Caro King

    Caro King è nata a Londra, e prima di scrivere ha fatto molti altri lavori. Con Feltrinelli “Kids” è uscito Ninevah e i Sette (2010), scritto in una giornata di pioggia quando Caro ha iniziato a immaginare il mondo di Drift.

    Vai alla scheda >>

    Dick King-Smith

    Dick King-Smith

    Dick King-Smith è nato nel 1922 in Inghilterra. Ha scritto moltissimi libri per bambini e per ragazzi, fra i quali il più famoso è Babe, la storia del maialino che è diventata un film. Feltrinelli Kids ha pubblicato La strega di Blackberry Bottom (2001).

    Vai alla scheda >>

    Rudyard Kipling

    Rudyard Kipling

    Rudyard Kipling è nato a Bombay da genitori britannici e, dopo un cupo periodo di studi trascorso in Inghilterra insieme alla sorellina Trixie, vi fa ritorno nella prima giovinezza per lavorare come giornalista. La vita poi lo separerà di nuovo dall’amato paese, vedendolo viaggiare per mezzo mondo e stabilirsi prima a Londra, poi negli Stati Uniti e infine di nuovo in Inghilterra, con frequenti soggiorni in Sudafrica. La sua è una vita movimentata e coronata da una fama precoce e prepotente, oltre che da tragedie familiari (perderà due figli) e da un crescente accostarsi alle idee della destra più conservatrice e militarista (il sostegno dato alla guerra anglo-boera in Sudafrica e all’intervento inglese in occasione della Prima guerra mondiale). Ma l’India resterà sempre il luogo più amato e il paradigma della sua arte migliore. Tra le sue opere, oltre a I libri della giungla (1894 e 1895), Kim (1901), Capitani coraggiosi (1897), Puck delle colline (1906). Nei "Classici" Feltrinelli, Il libro della giungla (2014).

    Vai alla scheda >>

    Danilo Kis

    Danilo Kis

    Danilo Kiš (Subotica, 1935 - Parigi, 1989) esordisce nel 1962, con due brevi romanzi. Traduttore dal francese, russo e ungherese, Kiš ha insegnato lingua e letteratura serbo-croata nelle università di Strasburgo, Bordeaux e Lille. Feltrinelli ha pubblicato I leoni meccanici (1990).

    Vai alla scheda >>

    Jörn Klare

    Jörn Klare

    Jörn Klare (1965) ha studiato psicologia e storia del teatro e dello spettacolo alla Freie Universität e all’Accademia delle Belle Arti di Berlino. Giornalista freelance, ha scritto per varie testate tra cui le prestigiose “Die Zeit”e “Süddeutsche Zeitung”. È anche autore di reportage per la radio. Per Feltrinelli Urra ha scritto Il giorno in cui mia madre non riuscì più a trovare la cucina. Affrontare la demenza senile di una persona cara (2015).

    Vai alla scheda >>

    Alison Klayman

    Alison Klayman

    Alison Klayman, americana, laureatasi alla Brown University nel 2006, è giornalista freelance e do­cumentarista. Ha cominciato a lavorare per la radio e la tv negli Stati Uniti durante il suo primo soggiorno in Cina, tra il 2006 e il 2010, nel corso del quale ha firmato re­portage per, tra gli altri, AP Television, Voice of America e CBC. Ai Weiwei – Never Sorry (Feltrinelli "Real Cinema", 2013) rappresenta il suo esordio nel lungometraggio.

    Vai alla scheda >>

    Naomi Klein

    Naomi Klein

    Naomi Klein è una giornalista pluripremiata, editorialista e autrice di bestseller internazionali come No Logo (2000), Shock Economy (2007) e Una rivoluzione ci salverà (2015), tradotto in più di venticinque lingue, che ha ispirato un documentario premiato al Toronto International Film Festival. Dal 2017 è Senior Correspondent per “The Intercept” e i suoi articoli sono apparsi su “Guardian”, “The Nation”, “New York Times”, “New Yorker”, “Le Monde” e “The London Review of Books”. Per Feltrinelli ha pubblicato Shock Politics. L’incubo Trump e il futuro della democrazia (2017).

    Vai alla scheda >>

    Amyr Klink

    Amyr Klink

    Amyr Klink (San Paolo, 1955), di padre libanese e madre svedese, è economista, giornalista, navigatore. È autore di vari libri sui viaggi per mare, dei quali Feltrinelli ha pubblicato Paratii (1996) e Il Brasile dal mare (1999).

    Vai alla scheda >>

    Samanta K. Milton Knowles

    Samanta K. Milton Knowles

    Vai alla scheda >>

    Brian Knappenberger

    Brian Knappenberger

    Brian Knappenberger (1970), regista e autore, ha lavorato per molti importanti network, tra cui Sundance Channel, Pbs/Frontline, National Geographic e Discovery Channel. È produttore esecutivo di Game Changers, la serie di diciotto documentari di Bloomberg Tv nata nel 2010 dedicata ai grandi imprenditori che con le loro idee sono riusciti a lasciare un’impronta profonda nel mondo del business, cambiando le regole del gioco. Ha inoltre diretto documentari sull’Afghanistan, sulla libertà di espressione in Ucraina e, con Into the Body, sul rapporto tra il nostro corpo e il progresso tecnologico. Per Feltrinelli “Real Cinema”, Anonymous. L’esercito degli hacktivisti (2013).

    Vai alla scheda >>

    Karl Ove Knausgård

    Karl Ove Knausgård

    Karl Ove Knausgård è nato a Oslo nel 1968. Ha studiato letteratura all’Università di Bergen e vive a Malmö, in Svezia, con la moglie e i loro quattro figli. Per il suo primo romanzo, Ute av verden (1998), è stato insignito del Norwegian Critics Prize for Literature, primo caso di assegnazione del premio a un debuttante. Il secondo romanzo, En tid for alt, ha vinto molti premi ed è stato giudicato tra i migliori 25 romanzi norvegesi di tutti i tempi.
    Se i primi due romanzi sono stati molto ben accolti dalla critica e dai lettori norvegesi, è con la pubblicazione del suo capolavoro, i sei volumi intitolati La mia battaglia, più di 3500 pagine autobiografiche, e con le traduzioni che sono seguite, che Karl Ove Knausgård viene definitivamente consacrato.
    I sei romanzi che compongono La mia battaglia sono in corso di pubblicazione con Feltrinelli. Sono già usciti La morte del padre (2014), Un uomo innamorato (2015), L’isola dell’infanzia (2015), Ballando al buio (2016), La pioggia deve cadere (2017). Feltrinelli ha pubblicato anche, nella collana digitale Zoom, L’altra faccia della faccia (2014).

    Vai alla scheda >>

    India Knight

    India Knight

    India Knight (1965) è una giornalista e scrittrice britannica. La sua notorietà è dovuta soprattutto ai suoi libri che ironizzano sulla condizione femminile, dei quali Feltrinelli ha pubblicato La mia vita su un piatto (2001), Single senza pace (2003) e, con Kowalski, Pazza per lo shopping (2008).

    Vai alla scheda >>

    Bernard M. W. Knox

    Bernard M. W. Knox

    Bernard M. W. Knox (1914-2010), primo direttore del Center for Hellenic Studies di Washington, si è dedicato soprattutto al teatro antico. Tra le sue opere si ricordano Oedipus at Thebes (1966) e Word and Action: Essays on the Ancient Theatre (1979). Insieme a P.B. Eaesterling ha curato La letteratura greca della Cambridge University Press pubblicata in Italia da Mondadori nel 1989. È autore dell’introduzione all’edizione nei “Classici” Ue della Medea di Euripide (2015).

    Vai alla scheda >>

    Hideo Kobayashi

    Hideo Kobayashi

    Hideo Kobayashi (1902-1983), nume tutelare della critica letteraria giapponese, uomo di destra come Mishima, insieme a Furubayashi Takashi ha intervistato lo scrittore in momenti diversi della sua vita. Ne è nato Le ultime parole di Mishima pubblicato da Feltrinelli nel 2001.

    Vai alla scheda >>

    Mathias Koenig Archibugi

    Mathias Koenig Archibugi

    Vai alla scheda >>

    Arthur Koestler

    Arthur Koestler

    Arthur Koestler (Budapest, 1905 – Londra, 1983) è stato uno scrittore e filosofo ungherese naturalizzato britannico. Per Feltrinelli ha scritto la prefazione a L’amico ritrovato di Fred Uhlman (2013).

    Vai alla scheda >>

    Helmut  Kohlenberger

    Helmut Kohlenberger

    Helmut Kohlenberger insegna Filosofia Sociale e Filosofia Politica all’Università di Salisburgo e ha pubblicato numerosi studi sulla storia delle idee, la psicoanalisi e i paradigmi culturali. Tra i suoi libri: Similitudo und ratio (“Somiglianza e ragione”), Bonn 1972 e, con R. Knoll, Gesellschaftstheorien (“Teorie sociali”), Vienna 1994. Per Feltrinelli ha scritto dei contributi a la Repubblica di Platone (2008).

    Vai alla scheda >>

    Wolfgang Köhler

    Wolfgang Köhler

    Wolfgang Köhler, nato in Estonia nel 1887, ha studiato Filosofia e Psicologia sperimentale a Tubinga, Bonn, Berlino. Nel 1917 pubblica un’opera sull’intelligenza delle scimmie antropoidi. Nel 1921, insieme a Wertheimer, Koffka, Goldstein e Gruhle, fonda la rivista “Psychologische Forschung”. Intanto, rifacendosi alla fisica di Max Planck, scrive Le forme fisiche in quiete e in movimento. Con l’affermarsi del nazismo si trasferì negli Stati Uniti, dove il “gestaltismo” eserciterà una profonda influenza su tutte le discipline. Qui ripubblicò La psicologia della Gestalt, uscita dapprima nel 1929, e la ricerca su La dinamica della psicologia (1940). È morto negli Stati Uniti nel 1965. Feltrinelli ha pubblicato La psicologia della Gestalt (1984).

    Vai alla scheda >>

    Siri Kolu

    Siri Kolu

    Siri Kolu (1972) è drammaturga, regista e insegnante di teatro. Ha scritto il suo primo romanzo nel 2008. La mia estate con i Ruberson (Feltrinelli “Kids”, 2013) ha vinto prestigiosi premi di letteratura per ragazzi in Finlandia e in Olanda. Da questa serie, i cui diritti sono già stati venduti in quattordici paesi, verranno presto tratti un film e un videogioco.

    Dalle motivazioni della giuria del premio conferito dal Finnish Institute for Children’s Literature: ‟Siri Kolu è riuscita a portare nella letteratura per ragazzi un tipo di umorismo capace di divertire bambini e adulti. La protagonista è una ragazzina forte e indipendente, degna dei personaggi di Jacqueline Wilson. Una storia che presenta diversi livelli di lettura, coinvolgente, fantasiosa e classica nello stesso tempo... Un’autrice che ricorda Roald Dahl e Astrid Lindgren”.

    Vai alla scheda >>

    Felicitas Komarek

    Felicitas Komarek

    Felicitas Komarek, figlia di Iris, è ed è stata una esperta studente minimalista, oggi brillante universitaria. Per Feltrinelli Urra ha pubblicato Guida allo studio per pigri. Trucchi e strategie degli studenti minimalisti di successo (2019; con Iris Komarek).

    Vai alla scheda >>

    Iris Komarek

    Iris Komarek

    Vai alla scheda >>

    Alexei Kondratiev

    Alexei Kondratiev

    Alexei Kondratiev (1949-2010), americano, è stato un docente di storia, lingua e cultura celtica, membro di lunga data della Mythopoeic Society. Con Urra è uscito Il tempo dei celti (2005).

     

    Vai alla scheda >>

    Anatole Kopp

    Anatole Kopp

    Anatole Kopp (1915-1990) è stato un architetto francese. Ha compiuto i suoi studi di architettura in Francia e al Massachusetts Institute of Technology. Insieme a Pierre Chazanoff è stato incaricato dal governo della Repubblica Algerina di operazioni sperimentali d’habitat e di scolarizzazzione del paese, in condizioni che ricordano molto da vicino quelle della Russia degli anni venti. All’architettura sovietica ha dedicato studi approfonditi. Feltrinelli ha pubblicato Città e Rivoluzione (1997).

    Vai alla scheda >>