Descrizione

“Se gli anni senza nome devo raccontarli a qualcuno, voglio raccontarli a te”

Una mattina di settembre, passando davanti alla scuola in cui insegnava, il neo-pensionato professor Tramontana investe con l’auto un suo ex studente. A tutti sembra un atto deliberato di violenza, e tanto basta a rompere anche gli equilibri familiari. Ora ci sono un padre umiliato, una madre in fuga, ma soprattutto un figlio che prova a rimettere insieme i pezzi. Italo studia storia all’università, è – come ha scritto Antonio Tabucchi – “una specie di Giovane Holden all’incontrario, sempre smanioso di essere amato, che vorrebbe dare ordine a un mondo che ordine non ha”. Si ostina ad archiviare prime pagine di quotidiani per una tesi impossibile, che racconti gli anni Novanta e i Duemila: la caduta della Prima repubblica e l’interminabile Seconda, l’attentato alle Torri Gemelle, le guerre lontane, l’elezione di Obama. Dov’erano gli altri, le persone che ci vivono accanto? Dov’erano i padri, e dove eravamo noi? Italo colloca tutti su una ideale linea del tempo, una cronologia universale e personale insieme. Ma non sempre il passato sta fermo: all’improvviso riaffiora, bella e insinuante, quella che era stata la bambina Scirocco. Scombina i piani, apre una strada fra la cupa attualità e un amore possibile. Ma ci vuole uno scatto in avanti, forse un viaggio. Città simbolo dei destini incrociati, Berlino diventa la scena in cui andare a cercare, cercarsi, rispondersi. In attesa di sapere dove siamo, tutti.

Video

Premi e Riconoscimenti

  • 2012 - Finalista al Premio Zocca Giovani - Finalista al Premio Zocca Giovani
  • 2012 - Vincitore Premio Mondello - Vincitore Premio Mondello
  • 2012 - Vincitore Superpremio Vittorini Siracusa - Vincitore Superpremio Vittorini Siracusa
  • 2012 - Finalista al Premio Zocca Giovani - Finalista al Premio Zocca Giovani
  • 2012 - Vincitore Premio Mondello - Vincitore Premio Mondello
  • 2012 - Vincitore Superpremio Vittorini Siracusa - Vincitore Superpremio Vittorini Siracusa

Conosci l’autore

Paolo Di Paolo

Paolo Di Paolo è nato nel 1983 a Roma. Finalista nel 2003 al Premio Italo Calvino per l’inedito e al Campiello Giovani, è autore dei romanzi Raccontami la notte in cui sono nato (2008), Dove eravate tutti (2011, Premio Mondello e Super Premio Vittorini) e Mandami tanta vita (2013, Premio Salerno Libro d’Europa, Premio Fiesole Narrativa e finalista Premio Strega), Una storia quasi d'amore (2016), tutti nel catalogo Feltrinelli dove, nella collana digitale Zoom, sono anche compresi gli scritti La meravigliosa stranezza di essere vivi (2012) e L'Italia del pomeriggio (2014). Per l'Universale Economica ha curato un'antologia di Piero Gobetti, Avanti nella lotta, amore mio! Scritture 1918-1926 (2016). Molti suoi libri sono nati da dialoghi: con Indro Montanelli, a cui ha dedicato Tutte le speranze (2014, Premio Benedetto Croce), con Antonio Debenedetti, Dacia Maraini, Raffaele La Capria, Antonio Tabucchi, di cui ha curato Viaggi e altri viaggi (Feltrinelli, 2010), e Nanni Moretti. Ha pubblicato tra l’altro Ogni viaggio è un romanzo (2007), per bambini La mucca volante (2014, finalista Premio Strega Ragazze e Ragazzi) e Giacomo il signor bambino (2015; Premio Rodari), per il teatro Istruzioni per non morire in pace (2015). È tradotto in diverse lingue europee.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Gennaio, 2013
Collana: 
Universale Economica
Pagine: 
224
Prezzo: 
8,00€
ISBN: 
9788807880193
Genere: 
Narrativa