Descrizione

Un giallo-verità che l’autore racconta vent’anni dopo esserne venuto a conoscenza: questo è Il caso Piegari, coda imprevista di un vecchio libro che a suo tempo sollevò scandalo e indignazione, Mistero napoletano.
Un omissis finalmente svelato? Proprio così, lungo soltanto sei brevi capitoli ma non meno drammatici e incalzanti di quelli relativi alla storia del suicidio di Francesca Spada. Raccontano la follia che colse il geniale fondatore del Gruppo Gramsci dopo la sua espulsione dal Partito comunista (1954) per volontà di Giorgio Amendola, accusato da Guido Piegari di essere l’ispiratore di un meridionalismo “perverso”.
Una storia che sembra appartenere soltanto al passato e che in effetti si svolge in gran parte in un’Italia che non esiste più. Ma il presente, lo sappiamo, ha un cuore antico. Soprattutto in una città come Napoli dove il Gruppo Gramsci continua a sopravvivere, sia pure in forma traslata, attraverso l’Istituto italiano per gli studi filosofici fondato da Gerardo Marotta che fu, all’alba degli anni cinquanta, il braccio destro di Guido Piegari e magna pars del Gruppo stesso.

Recensioni d'autore

  • La storia di un altro di quegli irrequieti comunisti napoletani, ricercatore di medicina oncologica. È l'animatore del Gruppo Gramsci, un sodalizio che ha l'ardire di contestare la politica meridionalista del Pci...

  • La vita di un giovane economista schiacciato dalla macchina togliattiana del centralismo democratico. È un saggio, questo, più che un romanzo, ed è uno dei suoi libri più «veri», senza retorica...

  • Una sorta di giallo-verità sulla follia del fondatore del gruppo Gramsci napoletano negli anni Cinquanta.

  • Sull'intellettuale comunista espulso dal partito e trattato come un disabile mentale. Da ricordare che Piegari aveva come braccio destro Gerardo Marotta, poi fondatore dell'Istituto italiano per gli studi filosofici.

Conosci l’autore

Ermanno Rea

Ermanno Rea (Napoli, 1927 - Roma, 2016), giornalista, scrittore e fotografo, ha collaborato con numerosi quotidiani e settimanali. Con Feltrinelli ha pubblicato: La fabbrica dell’obbedienza. Il lato oscuro e complice degli italiani (2011), il suo libro di fotografie 1960. Io reporter (2012), La dismissione (2014; già Rizzoli, 2002), Il sorriso di don Giovanni (2014), Mistero napoletano (2014; già Einaudi, 1995, vincitore del premio Viareggio 1996), Il caso Piegari. Attualità di una vecchia sconfitta (2014), Napoli Ferrovia (2015; già Rizzoli 2007), Nostalgia (2016), Fuochi fiammanti a un’hora di notte (2017; già Rizzoli 1998, premio Campiello 1999), Il Po si racconta. Uomini donne paesi e città di una Padania sconosciuta (2017; già il Saggiatore 1990). Ha inoltre pubblicato L’ultima lezione. La solitudine di Federico Caffè scomparso e mai più ritrovato (Einaudi, 1992).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Settembre, 2014
Collana: 
I Narratori
Pagine: 
144
Prezzo: 
11,00€
ISBN: 
9788807031205
Genere: 
Narrativa