Descrizione

Scrittore da prima condannato al "ghetto", per lo piu trascurato dalla critica, della fantascienza, e poi riconosciuto come uno dei piu originali e visionari talenti della letteratura americana contemporanea, Philip Dick non ha scritto solo fiction, e come saggista menrita lo stesso riconoscimento postumo che ha avuto come narratore. Anche la produzione narrativa dickiana, del resto, non va esente da meditazioni filosofiche e spirituali, speculazioni sulla relativita del sapere introdotta dalla fisica quantistica; o sulla possibile esistenza di una sfera metafisica, alternativa, al di sotto di una realta spaventosa, che risente dell'influsso di dottrine gnostiche; o ancora sulla sapienza rintracciabile nella follia e nelle allucinazioni. Fra gli scritti qui raccolti appaiono quelli, teosofici, dedicati alla "descrizione in forma astratta di un nuovo modello della realta", quelli, letterari, in cui si discutono revisioni e continuazioni di romanzi gia pubblicati e, ancora, quelli dedicati al rapporto fra Dick e il cinema (trame, soggetti, sceneggiature).

Conosci l’autore

Philip Kindred Dick

Philip Kindred Dick (1928-1982) ha pubblicato, tra romanzi e racconti, una cinquantina di opere. Tra i più famosi libri di fantascienza, La svastica sul sole (premio Hugo 1962), Le tre stimmate di Palmer Eldricht, Ubik, I simulacri, Un oscuro scrutare. Da suoi lavori sono inoltre stati tratti gli adattamenti di film quali Blade Runner e Total Recall. Dopo la morte è stato fatto oggetto di una delle più notevoli rivalutazioni culturali contemporanee. Feltrinelli ha pubblicato Mutazioni. Scritti inediti, filosofici, autobiografici e letterari (1997), ristampato in tre volumi in edizione economica: Se vi pare che questo mondo sia brutto (1999), Joe Protagoras è vivo (2000) e Vita breve e felice di uno scrittore di fantascienza (2001).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Maggio, 2000
Collana: 
Universale Economica
Pagine: 
140
Prezzo: 
7,23€
ISBN: 
9788807816154
Genere: 
Tascabili 
Traduttore: 
Gianni Pannofino