Lo "sceriffo" sbuca in piazza all´ora delle rondini e dei frizzantini, ha l´occhietto vispo da sparviero, sale con passo littorio i gradini del palazzo dei Trecento agitando tre grandi chiodi da maniscalco. Quei chiodi mica gli servono per fissare una trave. Servono a scuoiare, annuncia alla plebe, "l´orsetta siberiana". Chi? Diavolo, l´avversaria "comunista". Maria Luisa Campagner, che già dà per liquidata dopo dodici sezioni scrutinate.
Esulta Giancarlo Gentilini, il famigerato sindaco leghista che vorrebbe impallinare gli immigrati come "oseleti". I sondaggi dicono che i Serenissimi padani hanno ribaltato l´umiliazione del 2001, quando Forza Italia divenne il primo partito di Treviso. Ha vinto la Lega barbara, la Lega dura e pura, presentandosi da sola. Ha vinto contro la Sinistra, ma soprattutto ha schiacciato i fighetti azzurri, gli alleati dell´Umberto a Roma.
Dilaga il sindaco capocantiere, è abbronzato e brillantinato, distribuisce manate a raffica, figurarsi chi lo tiene ora che anche da Vicenza arrivano buone notizie, il nemico sovietico è battuto, il sindaco uscente di Forza Italia, Enrico Hullweck, ha portato a casa un risultato tondo. "L´orsetta, ha ha ha. Quella spinta dal vento della steppa, ha ha ha. La ciapemo, la pichemo con do ciodi, cussì. E dopo la scotenniamo pian pian. Come i conigli, ha ha ha ha".
Ride il popolo trevigiano. Invita a nozze il Giancarlo cui la pelliccia piace sempre al femminile. Una volta spiegò il teorema-Pivetti. La traditrice della Lega, la lupa romana "che andava rasata a zero". E dopo, lo provoca la gente, dove la va a buttare l´orsa? "Nel Tevere! Sicuro! Non la buttiamo certo nel nostro Sile". Poi spiega: è l´ora. Di fare che cosa? Di cominciare a fare "pulizia etnica delle sinistre". Ha ha ha ha.
"Con me avrete il nuovo Rinascimento, con loro avreste avuto i gironi dell´inferno!". È come se fosse di nuovo lui il sindaco. Ha ragione. I giornalisti lo cercano, la folla lo saluta, nei manifesti trionfa la sua faccia, nello stemma della Lega non c´è scritto "Lega Nord", ma il suo nome. E´ un´illusione ottica perfetta. E poi nessuno guarda l´onorevole padano Gian Paolo Gobbo, che sarà anche il vero nuovo sindaco, ma ha fatto tutta la campagna dicendo: Gentilini continuerà a fare quello che ha sempre fatto. Il capocantiere e l´acchiappa-immigrati. "Siamo marito e moglie intercambiabili" si sganascia Gentilini, "siamo diventati bisessuali". Mai nella storia del voto in Italia un travaso di voti è funzionato con tanta automatica precisione.
Cosa accadrà al secondo turno? Se ne fotte lo sceriffo, di chiedere il voto ad An e Forza Italia. Prima li ha presi per i fondelli, poi li ha umiliati col voto. "Io non mi metto con quelli che mi hanno pugnalato. Finché Forza Italia sarà piena di transfughi leghisti e di correnti che si combattono fra loro, non ci sarà nessun accordo. E se Bossi me lo volesse imporre, potrei anche dire quello che dicevo da bambino. Me ne frego".
Gioca duro Gentilini. Gli apparati di Forza Italia, An e Udc non sono in grado di porre condizioni. Ma l´elettorato del Polo morde il freno. Ne ha patite troppe, e ora c´è sempre il rischio che al secondo turno alcuni vadano al mare. O votino addirittura per la Campagner. Nemmeno Bossi può porre troppe condizioni. Se il Senatur esiste ancora politicamente, non lo deve al vento del Nord. Lo deve a Treviso, ultima roccaforte. A lui, Gentilini razza Piave. All´ombra di un sindaco che nemmeno succede a se stesso, ma ha prestato solo la sua immagine.
"E´ andata bene a Treviso" dice del centrosinistra Massimo Cacciari, "meno bene a Vicenza". Ma lo scontro vero, insiste, sta altrove. Tra una politica calata dall´alto e una che nasce dal basso. "Per questo – insiste – l´Ulivo può farcela solo se sa costruirsi sul territorio". Per questo, sorprese sono ancora possibili l´8 giugno. In quello che un tempo fu l´immobile Mar Bianco d´Italia, oggi il voto è capace di salti impressionanti. A Nordest è nata la prima rivolta antiromana del Paese, la Lista per Trieste. A Nordest la Dc è diventata Lega in una notte e, altrettanto in fretta, due anni fa, la Lega è implosa diventando azzurra. Oggi tutto si spariglia di nuovo. "Qui il voto è come un leasing – ti dice la gente - un contratto da disdire quanto vuoi".
Paolo Rumiz

Paolo Rumiz

Paolo Rumiz, triestino, è scrittore e viaggiatore. Con Feltrinelli ha pubblicato La secessione leggera (2001), Tre uomini in bicicletta (con Francesco Altan; 2002), È Oriente (2003), La leggenda dei monti naviganti (2007), Annibale (2008), L’Italia in seconda classe. Con i disegni di Altan e una Premessa del misterioso 740 (2009), La cotogna di Istanbul (2010, nuova edizione 2015; Audiolibri “Emons-Feltrinelli”, 2011), Il bene ostinato (2011), la riedizione di Maschere per un massacro. Quello che non abbiamo voluto sapere della guerra in Jugoslavia (2011), A piedi (2012), Trans Europa Express (2012), Morimondo (2013), Come cavalli che dormono in piedi (2014), Il Ciclope (2015), Appia (con Riccardo Carnovalini; 2016), Il filo infinito. Viaggio alle radici d'Europa (2019) e, nella collana digitale Zoom, La Padania (2011), Maledetta Cina (2012), Il cappottone di Antonio Pitacco (2013), Ombre sulla corrente (2014), Gulaschkanone (2017).

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>