«Sono sconvolta», dice al telefono Inge Feltrinelli, amica ed editrice storica di Günter Grass, che esordì in Italia nelle edizioni di Giangiacomo.

«Sono sconvolta», dice al telefono Inge Feltrinelli, amica ed editrice storica di Günter Grass, che esordì in Italia nelle edizioni di Giangiacomo. «Per me è uno shock. Conosco Günter da oltre quarant'anni e non riesco a capire come abbia potuto vivere finora con questo macigno. E' rimasto in silenzio per oltre mezzo secolo. Un mistero, una rimozione indecifrabile». Un sentimento di sorpresa, quasi di incredulità, è quello espresso da Inge Feltrinelli, legata allo scrittore da un'antica complicità intellettuale, rafforzata dalla comune radice tedesca. Riaffiorano i ricordi dei primi incontri a Milano, al principio degli anni Sessanta, quando uscì in Italia Il tamburo di latta, forse il capolavoro. «Francamente io non capisco. Non riesco ad accettare che un uomo con la personalità di Günter abbia atteso tutti questi anni prima di parlare d' una cosa così decisiva. Proprio lui che è il simbolo dell'antifascismo, lo scrittore che con maggiore espressività è riuscito a raccontare la Germania nazista, l'autore più engagé che io abbia mai frequentato, l'intellettuale di sinistra impegnato al fianco di Willy Brandt. Ci crede se le dico che sono fuori di me? Sì, provo una grande tristezza».
Günter Grass

Günter Grass

Günter Grass (Danzica 1927 - Lubecca 2015) ha raggiunto la massima notorietà con Il tamburo di latta, pubblicato nel 1959 (Feltrinelli, 1962, nuova edizione 2009). Delle sue opere successive ricordiamo: Gatto e topo (Feltrinelli, 1964, 2009), Anni di cani (Feltrinelli, 1966, 2009), Dal diario di una lumaca (Einaudi, 1974), Il Rombo (Einaudi, 1979), La Ratta (Einaudi, 1987), Il richiamo dell’ululone (Feltrinelli, 1992), È una lunga storia (Einaudi, 1998), Il mio secolo. Cento racconti (Einaudi, 1999), Il passo del gambero (Einaudi, 2002), Sbucciando la cipolla (Einaudi, 2007), Camera oscura (Einaudi, 2009), Da una Germania allaltra. Diario 1990 (Einaudi, 2012). Nel 1999 Grass ha vinto il premio Nobel per la letteratura.

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>