Lo scrittore, morto il il 23 gennaio 2007, avrebbe collaborato con i servizi segreti del regime comunista di Varsavia. La pesante accusa è mossa dall’edizione polacca di Newsweek, sulla base di documenti dell’Istituto per la memoria nazionale, politicamente molto vicino al governo nazionalpopulista dei gemelli Kaczynski caratterizzato, oltre che dall’omofobia e dall’antieuropeismo, dalla volontà di fare i conti con quegli intellettuali liberal che collaborarono alla transizione pacifica del regime polacco verso la democrazia.

Nello speciale gli articoli sulla vicenda apparsi sui giornali italiani.
Ryszard Kapuściński

Ryszard Kapuściński

Ryszard Kapuściński è nato a Pinsk, in Polonia orientale, oggi Bielorussia, nel 1932, ed è morto a Varsavia nel 2007. Dopo gli studi a Varsavia ha lavorato fino al 1981 come corrispondente estero dell’agenzia di stampa polacca PAP. Dei suoi numerosi libri-reportage Feltrinelli ha pubblicato: Il Negus. Splendori e miserie di un autocrate (1983, 2003), Imperium (1994), Lapidarium. In viaggio tra i frammenti della storia (1997), Ebano (2000), Shah-in-shah (2001), La prima guerra del football e altre guerre di poveri (2002), In viaggio con Erodoto (2005, premio Elsa Morante sezione “Culture d’Europa”; "Audiolibri - Emons Feltrinelli", 2011), Autoritratto di un reporter (2006), L’altro (2007), Ancora un giorno (2008), Nel turbine della storia. Riflessioni sul XXI secolo (2009), Giungla polacca (2009), Cristo con il fucile in spalla (2011), Se tutta l’Africa (2012) e Stelle nere (2015). Nella collana di e-book Zoom Feltrinelli ha pubblicato Con gli alberi contro (2013). Nel corso della sua lunga carriera ha avuto numerosi riconoscimenti tra cui, nel 2003, il premio Grinzane per la Lettura e il premio Principe de Asturias. L’Università degli studi di Udine gli ha conferito la laurea honoris causa in traduzione e mediazione culturale nel 2006.

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>