Descrizione

“Un veemente atto di fiducia verso il potere del romanzo e gli arabeschi della vita.” Elisabetta Rasy

Tre storie diverse, la stessa città – Roma, all’inizio degli anni ottanta – e lo stesso destino: smettere di essere soltanto figli, diventare genitori. Eppure Luciana, Valentina, Cecilia non sono certe di volerlo, si sentono fragili, insofferenti. Così come sono confusi, distanti, presi dai loro sogni i futuri padri. Luciana lavora in un giornale che sta per chiudere, l’uomo che ama è lontano, lei lo chiama l’Irlandese per via dei capelli rossi. Valentina ha diciassette anni, è convinta che da grande farà la psicologa e, appena si è accorta di essere incinta, ha smesso di parlare con Ermes. Cecilia vive fra una casa occupata e la strada, porta un caschetto rosa e tiene al guinzaglio un cane. Una sera raggiunge la tavola calda in cui lavora Gaetano: vuole da lui un ultimo favore. Lontano dagli occhi è una dichiarazione d’amore al potere creativo della letteratura, alla sua capacità di generare verità altrimenti inaccessibili. Paolo Di Paolo ricostruisce, con la forza immaginifica della narrazione, l’incognita di una nascita, le ragioni di una lontananza, arrivando a rovesciare la distanza dal cuore suggerita dal titolo. E riesce a scrivere un’inedita storia sul peso delle radici, tanto originale quanto universale. “Un libro aperto sul trauma dell’origine, evocato da uno scrittore limpido in stato di necessità, che incita alla speranza.”
Margaret Mazzantini

Video

Premi e Riconoscimenti

  • 2020 - Premio Viadana - Vincitore
  • 2020 - Premio Segafredo Zanetti "Un libro un film" - Vincitore Premio Segafredo Zanetti "Un libro un film" - Sezione TV
  • 2020 - Premio Città di Castelfranco Veneto - Vincitore Premio Città di Castelfranco Veneto
  • 2020 - Premio Letterario Viareggio Repaci - Vincitore Sezione Narrativa

Recensioni d'autore

  • Storia intima eppure universale sul peso delle radici...

  • Un ardito esperimento narrativo.

4 4
  • Prima di esistere siamo solo pensiero ed è allora che la letteratura, come il primo pianto di neonato, si fa voce dell'inconsistenza per dare vita alle cose.

  • Imparare a fare i genitori scoprendo di essere stati figli.

  • Uno spiazzante approccio con la materia.

  • Questo libro appare incredibilmente vicino e vivido.

Conosci l’autore

Paolo Di Paolo

Paolo Di Paolo è nato nel 1983 a Roma. Ha pubblicato i romanzi Raccontami la notte in cui sono nato (2008), Dove eravate tutti (2011; Premio Mondello e Super Premio Vittorini), Mandami tanta vita (2013; finalista Premio Strega), Una storia quasi solo d’amore (2016), Lontano dagli occhi (2019) Premio Viareggio-Rèpaci, tutti nel catalogo Feltrinelli e tradotti in diverse lingue europee. Molti suoi libri sono nati da dialoghi: con Antonio Debenedetti, Dacia Maraini, Raffaele La Capria, Antonio Tabucchi, di cui ha curato Viaggi e altri viaggi (Feltrinelli, 2010), e Nanni Moretti. È autore di testi per bambini, fra cui La mucca volante (2014; finalista Premio Strega Ragazze e Ragazzi) e I Classici compagni di scuola (Feltrinelli, 2021), e per il teatro. Scrive per “la Repubblica” e per “L’Espresso”.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Maggio, 2022
Collana: 
Universale Economica
Pagine: 
192
Prezzo: 
10,00€
ISBN: 
9788807896545
Genere: 
Narrativa, Tascabili